Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Un mare di salute

V…come vongole, i frutti di mare per eccellenza

28.11.19

Mollusco più pescato e utilizzato in cucina per preparare piatti tipici della nostra tradizione gastronomica, sono presenti nel medio-basso Tirreno e nell’Adriatico

V...come vongole, i frutti di mare per eccellenza

Vai nella sezione “Un mare di salute” e leggi gli speciali a cura di Coldiretti Impresa Pesca

Con il generico termine “vongola” si indicano diverse specie di molluschi bivalvi appartenenti alla famiglia Venerdae. Le specie più conosciute e diffuse sono le vongole veraci, le vongole filippine, e le “vongole comuni” altresì dette lupini.

Le vongole sono presenti nell’Oceano Atlantico, nel Mar Caspio e in Italia, soprattutto nel medio-basso Tirreno e nel Mar Adriatico. Prediligono fondali bassi e sabbiosi, infatti vivono sepolte sotto la sabbia e si nutrono di plancton che catturano aspirando l’acqua attraverso una delle due aperture dette sifoni che escono dalle valve socchiuse.

La vongola è caratterizzata da un parte esterna ovvero la conchiglia fatta di carbonato di calcio molto resistente e della parte interna commestibile ovvero il mollusco. Presenta poi due sifoni che gli permettono di filtrare l’acqua per nutrirsi e respirare. In media una vongola può arrivare ad essere grande 4-5 cm.

In Italia la pesca delle vongole è una pratica antica lungo le coste dell’Adriatico. Un tempo veniva svolta con attrezzi rudimentali a mano. Dalla fine degli anni sessanta si è diffuso l’utilizzo delle cosiddette “vongolare” particolari imbarcazioni che pescavano le vongole sui fondali sabbiosi usando una gabbia di rete metallica manovrata a mano mediante una lunga asta di legno per setacciare la sabbia, con l’ausilio di un’ancora, una corda e un verricello. Oggi le imbarcazioni per pescare le vongole sono dotate di draghe idrauliche turbosoffianti che penetrano un primo strato di fondale sabbioso catturando i molluschi.

Sono presenti sempre sui banchi del pesce perché si possono pescare in tutti i mesi dell’anno, l’importante è che si rispetti la normativa vigente la quale stabilisce che se ne possono pescare solo 400kg al giorno per imbarcazione. La taglia minima per pescare le vongole è di 25 mm ma, a partire da gennaio 2017, è stato fissato un limite di tolleranza a 22 millimetri.

Molto diffuso è anche l’allevamento delle vongole veraci in acquacoltura. Vengono allevate infatti in bacini controllando la natura e lo stato del fondale. I molluschi in questo modo crescono in funzione della densità di allevamento e delle condizioni ambientali.

Per assicurarsi una totale freschezza del prodotto occorre acquistarlo con i gusci chiusi o semi aperti. Le vongole devono essere ancora vive e vitali e per capire ciò bisogna sollevare e scuotere la retina: il sacchetto deve risultare pesante durante lo scuotimento provocando un suono pieno. Più il sacchetto è leggero e il suono vuoto maggiore sarà la presenza di molluschi morti. Se i molluschi sono vivi restano ben chiusi e conservano al loro interno anche il liquido utile alla loro sopravvivenza. Un altro fattore indice di freschezza da considerare è l’odore, la retina contenente i molluschi deve emanare un sentore gradevole di mare e salsedine.

A livello nutrizionale la vongola presenta alte quantità di sali minerali, soprattutto calcio, magnesio, ferro, potassio, sodio, e Vitamine del gruppo A, B, C. Inoltre ha pochissimi grassi ed è ricca di proteine ad alto valore biologico. Tuttavia contiene discrete quantità di colesterolo, per tanto se ne consiglia il consumo non più di una volta a settimana.

Le vongole sono molto versatili in cucina, si prestano a innumerevoli ricette e metodi di preparazione: per esempio possono essere usate come condimento per piatti elaborati, oppure anche come alimento unico magari mangiate crude, o cucinate in padella o utilizzate per preparare un gustoso sauté. Ma lo spaghetto alle vongole è sicuramente uno dei piatti più famosi della tradizione culinaria italiana.

 

Ricetta dell’Agrichef Diego Scaramuzza dell’Agriturismo La Cascina da Diego

Spaghetti vongole e cavolo nero

Ingredienti per quattro persone

500 g di vongole spurgate

350 g di spaghetti

1 cavolo nero

q.b. aglio

q.b. sale

q.b. olio EVO

q.b. peperoncino

q.b. pane grattugiato

q.b. vino bianco

Procedimento:

Pulire le vongole lavandole bene. Metterle in una padella con l’aglio scacchiato ed olio evo. Farle aprire e sfumare con il vino bianco. A parte pulire il cavolo nero e metterlo a cuocere in abbondante acqua salate. Pulire le vongole dai gusci e far ridurre il sugo nella padella. Quando il cavolo è quasi cotto unire le tagliatelle e lessarle assieme. Scolare e versare nella padella con le vongole. Unire il peperoncino e spadellare bene. Servire con una spolverata di pane grattugiato precedentemente tostato nell’olio evo.

TAGS
agrichefbeneficicucinamade in Italypescepesce italianoproprietàricetta

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi