Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Notizie

Carota: storia, proprietà benefiche, ricetta e orto

06.03.19

Tutto quello che c’è da sapere sull’ortaggio ricche di sostanze che fanno bene alla nostra salute

Carota: storia, proprietà benefiche, ricetta e orto

La carota e la sua storia

Il nome scientifico è Daucus carota, è una pianta erbacea originaria dell’attuale Afghanistan. La nostra carota, è facilmente confondibile con la Pastinaca sativa chiamata anche carota bianca. Si tratta invece di una specie diversa, molto amara, che era utilizzata per la creazione di medicinali in epoca romana. Infatti i romani non utilizzavano carote nella loro cucina. A Ostia Antica, nella Taverna, è possibile ammirare un affresco in cui è raffigurata la pastinaca. Gli antichi egizi, romani e greci utilizzavano questa radice come cicatrizzante.

In origine, la carota, non era di colore arancione come la conosciamo oggi, ma era di un color viola scuro. In Europa arriva intorno al 1100 grazie agli arabi che la impiantarono in Spagna. In seguito Caterina de’ Medici, nel 1200 le portò in Italia e le introdusse nella cucina signorile. In Francia, Paesi Bassi e Germania arriva nel 1300 e in Inghilterra nel 1400. Nel 1500, la carota viola era molto diffusa, ma verso il 1600 ci fu un grande declino di questo ortaggio, sostituito dalla carota arancione, che inizia a dominare il mercato occidentale.

La più grande testimonianza di questo cambiamento, la vediamo attraverso i quadri dei pittori spagnoli e fiamminghi del 1500. Essi erano soliti raffigurare scene di mercato, ad esempio nei dipinti di Peter Aertsen e Nicolaes Maes appaiono carote viola e gialle. Nel 1600, nei dipinti dei pittori olandesi, iniziano a comparire le prime carote arancioni, probabilmente derivanti da una mutazione spontanea. Secondo la leggenda, questa mutazione dal colore viola a quello arancione, è dovuta dal fatto che in quel periodo (1600 più o meno), in Olanda, regnavano gli Orange. Per questo, la terra ha voluto omaggiare la famiglia reale con questi ortaggi.

Esiste un’altra leggenda riguardante il fiore di carota, secondo la quale se raccolto in una notte di luna piena, favorisca il concepimento di un bambino e forse è per questo che le donne inglesi del XVI secolo, utilizzavano i fiori di carota per adornarsi i capelli.

 

La carota e “I Sigilli di Campagna Amica”

È facile dire carota. In realtà ne esistono diverse varietà che in alcuni casi sono così legate al territorio e alle tradizioni di locali da meritare il titolo di “Sigillo di Campagna Amica”. Entrano così a far parte della schiera di prodotti simbolo del nostro paese e di tutela della biodiversità.

In Puglia troviamo due varietà molto particolari di carote, la cui coltivazione è molto antica.

La Carota di Tiggiano viene chiamata anche Pestanca o di Sant’Ippazio, è conosciuta sin dai tempi antichi. Sopravvissuta grazie alla devozione popolare, si caratterizza per la sua forma irregolare, per le striature gialle e per le sue grandi dimensioni. È veramente utile per rinforzare la vista e ad alleviare il rossore degli occhi; usata anche per prevenire l’invecchiamento della pelle e favorire la produzione del latte delle donne dopo il parto.

La produzione di questa singolare varietà di carota è curata dall’Azienda Agricola Biologica Gaia S. R. L. (Corigliano d’Otranto), e dall’Azienda Agricola Prontera Renato (Lecce). È, inoltre, in vendita nel Mercato di Campagna Amica di Lecce. I due produttori sono così di diritto custodi dei Sigilli di Campagna Amica.

L’altra varietà è la Carota Variegata di Polignano. Viene coltivata in un’area ristretta, tra i 10 e i 20 ettari a Polignano a Mare, nella frazione di San Vito. Si caratterizza per la colorazione variegata che passa dal giallo al viola, con tutte le tonalità intermedie. È stato osservato che la carota di Polignano contiene un totale di zuccheri inferiore rispetto a quella normale.

Questa carota rappresenta un esempio di agro-ecologia e di tutela delle tradizioni locali. Un vero tesoro in mano a poche aziende. Tra queste ricordiamo l’Azienda Agro biologica “L’Ape e la Coccinella” di P. Mauro (Fasano). Questo prodotto si può trovare nel Mercato di Campagna Amica di Brindisi.

Con questi due esempi scopriamo come prodotti assolutamente salutari possono avere ulteriori segreti nelle diverse varietà. Non dovremmo mai dare per scontata la loro esistenza ed essere consapevoli che il patrimonio di geni in esse nascoste si perderebbero per sempre se queste varietà si estinguessero. Si perderebbe così l’informazione, accumulata nel corso dell’evoluzione, per la resistenza a patogeni, caratteristiche organolettiche e nutritive, colore, profumi e via dicendo.
Insomma non è solo una carota, ma una storia antica come la vita sulla terra.

 

Proprietà benefiche

Le carote sono dei veri toccasana per la salute di tutti noi. Esse contengono caroteni, sostanze utilizzate dall’organismo per produrre vitamina A, perfetta per la vista. La cottura, non influisce sui caroteni perché immuni al calore e per questo si possono mangiare sia crude che cotte.

Le carote sono consigliate nell’alimentazione infantile perché aiutano ad assorbire i liquidi nell’intestino. Sono ricche di pigmenti antiossidanti che agiscono sul sistema cardiovascolare. Le carote sono anche fonte di flavonoidi e vitamine.

In 100 grammi di carote troviamo:

  • Acqua 79,7 g;
  • Carboidrati 18,3 g;
  • Zuccheri 18,3 g;
  • Proteine 2,6 g;
  • Grassi 0,5 g;
  • Fibra totale 3,1 g;
  • Vitamina C 2 mg.

 

Coltivazione della carota

Oggi il personal trainer dell’orto vi spiegherà i segreti della coltivazione della carota.

Il clima perfetto per la coltivazione delle carote è non troppo caldo pur adattandosi a tutte le condizioni. Il terreno deve essere soffice e sciolto, con sgrondo d’acqua. Non ama i terreni sassosi o compatti perché le radici non riuscirebbero a svilupparsi. Per avere un terreno buono si può mescolare al proprio terreno, un po’ di sabbia (procedimento attuato almeno due mesi prima della semina). Prima della semina, che avviene tra marzo e giugno, si deve effettuare una vangatura profonda 40 cm di profondità, aggiungendo composto o concime organico.

Ci sono varietà precoci che possono essere seminate a febbraio, o tardive seminate ad ottobre. Si può facilitare e accelerare la germinazione aggiungendo ai semi un po’ di sabbia oppure immergendo il seme in acqua tiepida o in camomilla. Il seme delle carote germina tra i 12 e i 20 gradi, in modo lento. La raccolta avviene in genere dopo due mesi. Se procediamo con l’acquisto di piantine già cresciute, dobbiamo trapiantarle ad una distanza l’una dall’altra di 10 cm almeno. Una buona innaffiatura senza ristagni garantirà un eccellente raccolto.

 

Ricetta

Torta di mandorle e carote

Ingredienti:

  • 250 g di carote;
  • 100 g di mandorle spellate;
  • 3 uova;
  • 150 g di zucchero;
  • 300 g di farina;
  • 1 bustina di lievito;
  • 100 ml di olio di semi.

 

Procedimento:

Grattugiare le mandorle e le carote, quest’ultime passarle con un colino per separarle dal liquido. Successivamente montare le uova con lo zucchero fino ad ottenere una crema chiara e spumosa. Aggiungere, quindi, le carote, l’olio, la farina setacciata e infine il lievito setacciato. Amalgamare bene e versare l’impasto in una teglia di circa 22 cm precedentemente imburrata e infarinata. Cuocere fino a 180° per 40 minuti. Togliere dal forno e far raffreddare. Appena fredda, spolverare di zucchero a velo.

TAGS
carotacucinaproprietàpugliaricettaSigillo di Campagna Amicatradizione

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi