Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
I consigli del nutrizionista

Carciofo, depurativo naturale per il fegato

19.02.20

Fonte preziosa di potassio e sali di ferro, contiene un principio attivo, la cinarina, che favorisce la diuresi e la secrezione biliare

Carciofo, depurativo naturale per il fegato

Il carciofo (Cynara cardunculus, sottospecie scolymus) è originario dei Paesi del Bacino del Mediterraneo, la sua introduzione in occidente fu opera degli Arabi, come denota l’origine del nome dall’arabo al’qarshuf, e più probabilmente in Sicilia, culla araba per eccellenza e da lì a Napoli. Appartiene alla famiglia delle Asteracee ha fusto eretto, le infiorescenze (capolini) hanno forme variabili: ovale, globosa o conico allungata, le brattee spinose o inermi possono essere color verdastro e talvolta violacee. Anche secondo la mitologia Cynara era una bella fanciulla dai capelli color cenere, trasformata in carciofo da Giove innamorato.

I carciofi sono una fonte preziosa di potassio e sali di ferro. Contengono un principio attivo, la cinarina che favorisce la diuresi e la secrezione biliare. Di solito se ne mangiano il fiore e le brattee, dopo aver eliminato quelle esterne, più dure. I carciofi sono i grandi protettori del fegato e provocano un aumento del flusso biliare e sono molto indicati nella dieta dei diabetici. L’infuso preparato con le foglie di carciofo, cui possono essere associate altre erbe, è davvero miracoloso dal punto di vista di stimolazione della diuresi ed eliminazione delle tossine: il sapore è molto amaro, ma il beneficio è assicurato.

I carciofi contengono molta fibra vegetale e sono quindi utili quindi per la regolarità intestinale. Il carciofo è un alimento che ha effetto positivo anche sul sistema cardiocircolatorio, in quanto si tratta di un alimento che aiuta ad abbassare il tasso di colesterolo nel sangue.  Tra le varietà spinose abbiamo lo Spinoso Sardo, Ligure e di Palermo; tra gli inermi: Romagnoli, Catanesi, e i Violetti di Toscana.

Il carciofo tagliato annerisce rapidamente occorre quindi passarlo in acqua acidulata al limone, specie se lo si vuole consumare crudo in insalata.  La loro cottura più classica richiede la tecnica della frittura come per i carciofi alla Giudia prima torniti per eliminare le punte; alla Romana tagliati a spicchi e passati in pastella; alla Toscana anche qui a spicchi infarinati e passati nell’uovo, la cottura classica più leggera la troviamo nel cuore del Mediterraneo: la Sicilia orientale, dove si cucinano alla brace.

Il carciofo si lava, si batte, per allargare le foglie, si condisce con prezzemolo, aglio, olio e sale e si sistema sulle braci, da cui prende anche il sapore e il profumo. Il nome del genere sembra derivare da cinis ossia cenere, secondo Columella infatti si usava cospargere di cenere il campo prima della coltura.

 

A cura di Giorgio e Cinzia Myriam Calabrese

TAGS
alimentazionebeneficicarciofoGiorgio Calabreseproprietà

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi