Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Un mare di salute

A… come anguilla, la Regina delle Valli

10.01.20

Nella nostra Penisola trova il suo habitat naturale nella Valle di Comacchio ed è proprio per questo motivo che viene definita la “Regina delle Valli”

A... come anguilla, la Regina delle Valli

Vai nella sezione “Un mare di salute” e leggi gli speciali a cura di Coldiretti Impresa Pesca

L’anguilla, la cui femmina è conosciuta con il nome di capitone, è un pesce teleosteo, ovvero dotato di uno scheletro osseo, appartenente alla famiglia Anguillidae. Principalmente vive nel Mar Mediterraneo e nell’Oceano Atlantico, ma si adatta anche nelle acque dolci, prediligendo sempre fondali sabbiosi e fangosi.

Ha un corpo allungato simile a un serpente e un’unica pinna sul dorso. Le femmine sono più grandi, possono infatti raggiungere i 3 kg di peso e arrivare a 1 mt di lunghezza a differenza dei maschi che invece si assestano sui 200 gr e i 50 mt. Hanno un occhio di piccole dimensioni e una mandibola sporgente. Il colore varia a seconda dell’habitat: le anguille di mare hanno un colorito argenteo e nero, mentre quelle di acqua dolce sono caratterizzate da una colorazione giallo-bruno.

L’alimentazione dell’anguilla è principalmente costituita da crostacei, molluschi, larve e anellidi.

La particolarità di questa specie è che si riproduce unicamente nel Mar dei Sargassi (nell’arcipelago tra Grandi Antille e Azzorre). Le femmine compiono una migrazione molto lunga (la più grande migrazione marina al mondo) fino al Mar dei Sargassi dove depongono le uova e poi muoiono. I piccoli dopo aver schiuso le uova compiono un viaggio di circa 3 anni per ritornare nel luogo di origine della madre diventando nel frattempo adulti, denominati “cieche”, dall’aspetto trasparente e dalle carni molto pregiate.

Proprio questa pregevolezza delle carni ha fatto sì che l’anguilla venisse pescata e commercializzata in grandi quantità tanto da portare oggi a un netto calo del numero degli esemplari. È per questo che per salvaguardare la specie bisogna ricorrere all’acquacoltura e quindi all’allevamento.

In Italia le anguille hanno trovato il loro habitat naturale nella zona della Valle di Comacchio, una vasta zona umida e protetta situata nell’Emilia Romagna, considerata ormai la loro patria poiché nel tempo si è stabilito un legame identitario molto forte tra questa specie ittica e la cittadina lagunare. Ancora oggi per pescarle si utilizzano antiche tecniche come il lavoriero, un intricato sistema di sbarramenti e griglie mobili, anticamente realizzato in legno e canna, posto in prossimità dell’imbocco dei canali che collegano le valli al mare e sono in grado di catturarle.

Le carni dell’anguilla hanno numerose proprietà nutritive, nonostante siano molto grasse (circa 40% di grassi x 100g), hanno un contenuto elevatissimo di proteine (50% x 100g) e sono ricche di Vitamine (A ed E) e minerali (calcio).

Il periodo migliore per comprare e gustare le anguille è tra la fine dell’estate e l’inizio dell’inverno e sui banchi del pesce la si può trovare fresca, viva, decongelata, affumicata o in scatola.

Si consiglia sempre di comprarla nel momento in cui si deve utilizzare, poiché le sue carni dopo la morte non si conservano a lungo.

Essendo un pesce molto grasso ma dalle carni morbide si presta a innumerevoli metodi di preparazione. È infatti possibile mangiarla fritta, in umido, arrosto, oppure anche marinata o affumicata.

Tradizionalmente la femmina dell’anguilla, il capitone, è molto consumato nel periodo natalizio, soprattutto nelle regioni del Centro Sud. Il pesce viene mantenuto vivo in casa fino al momento della cottura, che di solito avviene o in occasione della cena della Vigilia di Natale o per il cenone di Capodanno.

 

Ricetta: Anguilla in umido

Ingredienti per quattro persone

1 kg di anguilla

300 gr di salsa di pomodoro

2 spicchi di aglio

1 limone o aceto bianco

q.b. olio EVO

q.b. vino bianco secco

q.b. erme aromatiche

q.b. prezzemolo tritato

q.b. sale

q.b. pepe

Procedimento

Pulire bene l’anguilla eliminando la testa e la coda e asportando le interiora. Tagliarla a pezzi e lasciarla per circa 2 ore in un piatto con sale grosso e limone o aceto. Preparare un soffritto con olio evo, prezzemolo, aglio, sale e pepe. Aggiungere i pezzetti di anguilla lasciarla rosolare per circa 5 minuti, sfumare con vino bianco e lasciar evaporare, mescolando di tanto in tanto. Versare la salsa di pomodoro e lasciar bollire per 15 minuti. Spegnere il fuoco e aggiungere le erbe aromatiche.

TAGS
beneficimade in Italymercato contadinopescepesce italianoproprietà

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi