Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
I consigli del nutrizionista

Castagne, vera miniera di benefici e gusto

15.10.19

Piccoli frutti, sono nutrienti e sazianti. E contengono moltissime sostanze dal potere antiossidante

Castagne, vera miniera di benefici e gusto

Il castagno (Castanea sativa), originario dell’Iran, è una specie che può facilmente acclimatarsi in ogni regione del nostro continente tranne che in terreni calcarei.

Può vivere oltre mille anni, raggiungere i 30 metri di altezza e 15 cm di circonferenza. Celebre il gigantesco “castagno dei cento cavalli” alle pedici dell’Etna. Nominato così per via del fatto che riuscì a dare riparo ai cento cavalieri a cavallo della scorta di Giovanna d’Aragona nel 1500 quando fu sorpresa dal temporale, mentre si recava dalla Spagna a Napoli. Durante l’alto Medioevo le castagne costituirono per il popolo una sostituzione del grano. La farina di castagna infatti ben si adatta a diversi usi, per piatti poveri della cucina di montagna. Venivano inoltre cucinate al posto o insieme ai legumi, in particolare la fava. Seccate al sole poi cotte a fuoco lento, costituivano una riserva alimentare e venivano considerate un buon cibo per malati.

Oggi il loro consumo, sotto forma di caldarroste, ha raggiunto in alcune città, come ad esempio Roma, quotazioni come per l’oro, particolarmente a inizio o fine stagione; si vende a volte, infatti, il singolo frutto a un prezzo elevato. Il “marrone” è una varietà pregiata perché ogni singolo riccio contiene prevalentemente un solo frutto, più grande dei due soliti frutti per riccio, che per questo risultano quindi tondeggianti da un lato e schiacciati da un altro lato.

Per la loro forma e dimensione i più pregiati marroni vengono usati per la preparazione dei “marron glacé”. Non tragga in inganno il consumatore il termine marrone usato per le confetture e le creme. La legge, in questo caso, intende con questo nome il frutto del castagno in senso generico e non come varietà. Con ciò non vuol dire che la qualità della castagna da un punto di vista nutrizionale cambi e d’altronde la forma o la pezzatura più o meno grossa non è rilevante ai fini di una preparazione che prevede la frammentazione del frutto, come può essere per il caso della crema appunto.  Tutt’al più non giustificherebbe il prezzo.

Le castagne contengono il 7% di proteine, il 9% di lipidi e l’84% di carboidrati. Come tutti gli alimenti di origine vegetale, le castagne sono prive di colesterolo: 100 grammi di castagne (parte edibile) forniscono 81 mg di fosforo, 30 mg di calcio, 0,9 mg di ferro e 395 mg di potassio. Sono dunque una fonte importante di sali minerali preziosi per la salute: 100 grammi di castagne forniscono 165 chilocalorie.

Le castagne sono un alimento ad alto valore energetico, utile in autunno e in inverno per recuperare le forze. Contengono fibre utili per l’attività intestinale. Le castagne sono molto digeribili se ben cotte. Pur essendo simili a cereali come orzo o frumento a livello nutrizionale, le castagne non contengono glutine.

Vengono consigliate in caso di anemia e sono una fonte di acido folico, la cui assunzione viene raccomandata in particolar modo alle donne in gravidanza. Contengono fosforo, che le rende un alimento utile per il sistema nervoso. Sono utili in convalescenza, ad esempio per anziani e bambini dopo un’influenza.

 

A cura di Giorgio e Caterina Calabrese

TAGS
alimentazionebeneficicastagnecuriositàGiorgio Calabresenutrizioneproprietà

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi