Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Notizie

Giornata Mondiale del Latte: quanto fa bene quello italiano?

01.06.18

È un prodotto a elevata “densità nutrizionale” e a basso apporto calorico. Ma deve essere inserito all’interno di una dieta varia ed equilibrata

Giornata Mondiale del Latte: quanto fa bene quello italiano?

Leggi anche lo speciale dedicato ai formaggi

Giornata Mondiale del Latte: export da record per i formaggi italiani

Un alimento che ci nutre fin da quando nasciamo, il latte è stato protagonista in queste settimane presso tanti mercati di Campagna Amica e anche in molte scuole che sono partner dei progetti di educazione alimentare organizzati da Coldiretti e Campagna Amica.

Il consumo di latte e derivati rappresentano un patrimonio culturale che appartiene a tutti noi italiani e che abbiamo consolidato con tradizioni e abitudini alimentari tramandate nei secoli. Purtroppo il consumo è messo spesso sotto accusa e penalizzato dalla diffusione di abitudini e modelli alimentari alternativi che privano il nostro regime alimentare dalle grandi valenze nutritive offerte dal latte.

Allevatori, latterie, casari e fattorie didattiche hanno animato quindi piccoli e grandi con laboratori sensoriali, degustazioni, spettacoli e approfondimenti con nutrizionisti ed esperti con l’intento di sfatare molti falsi miti e smascherare le fake news che girano in rete sul latte, facendoci conoscere meglio questo fondamentale prodotto per una corretta alimentazione quotidiana.

Oltre al latte, sono state valorizzate anche le filiere lattiero-casearie del territorio con formaggi della tradizione interamente made in Italy, con eventi che hanno fatto scoprire ai consumatori come vengono prodotti quei formaggi che tutto il mondo ci apprezza e che spesso sono vittime di fenomeni fraudolenti e dell’italian sounding straniero. Il formaggio è infatti l’alimento territoriale per eccellenza e non esiste un luogo in Italia che non abbia il suo formaggio tipico.

Le iniziative hanno rafforzati quindi il programma Latte nelle scuole, una campagna di educazione alimentare sul consumo di latte e dei prodotti lattiero caseari realizzata dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali per accompagnare insegnanti, famiglie e alunni in un percorso di educazione alimentare sul latte.

Valori nutrizionali del latte

Il latte è un prodotto ad elevata “densità nutrizionale, ma a basso apporto calorico, eppure il consumo è nettamente al di sotto delle raccomandazioni scientificamente accreditate. Come tutti gli alimenti della dieta mediterranea, anche il latte e i suoi derivati devono però essere inseriti all’interno di una dieta varia ed equilibrata.

Il latte (vaccino), composto da acqua (87%), grassi (3,9%) in media, proteine (3,4%) e lattosio (4,8%), è una fonte preziosa di nutrienti perché è la prima fonte di calcio della dieta italiana, proteine di eccellente valore biologico, zuccheri e grassi in percentuale equilibrata, minerali (potassio, fosforo, zinco, magnesio e selenio) e vitamine (soprattutto del gruppo B).

Il latte è fondamentale per le ossa e per la crescita dei più piccoli, perché con il suo consumo giornaliero si hanno le migliori condizioni per l’assorbimento del calcio (elevata biodisponibilità). È infatti importante arrivare ad avere il più alto contenuto di calcio nello scheletro entro i 20 anni, per essere più protetti negli anni successivi.

Cosa fare in caso di intolleranza al lattosio

Il lattosio è uno zucchero (disaccaride) composto da glucosio e galattosio, la cui digestione da parte dell’uomo dipende dall’enzima lattasi che è in grado di scindere il legame tra i due zuccheri permettendone così l’assorbimento. Ma in caso di intolleranza al lattosio, ecco alcuni consigli per non eliminare il latte dalla propria alimentazione:

  • consumare yogurt, latte fermentato o mangiare formaggi stagionati
  • bere latte insieme ad altri alimenti (pane, biscotti o prodotti da forno)
  • bere latte o altri prodotti senza lattosio

Attenzione però alla differenza tra l’allergia al latte e l’intolleranza al lattosio. Con l’allergia si ha una reazione di difesa alle proteine del latte (il lattosio è uno zucchero!) che non vengono “riconosciute” dal nostro organismo. Si può manifestare generalmente nel primo anno di vita (malessere, vomito e, successivamente, orticaria diffusa dermatiti atopiche, nausea, vomito, diarrea) ma fortunatamente tende a scomparire con l’età (il 95% guarisce entro i 10 anni).

Tipi di latte che esistono in commercio

Latte crudo:
non ha subito trattamenti termici sopra i 40° ed è acquistabile direttamente dai produttori, ma per essere consumato deve esser bollito per alcuni secondi alla temperatura di 80°.

Latte biologico:
proviene da bovine allevate con metodo biologico, secondo le indicazioni definite nella normativa europea e integrata da decreti del MiPAAF.

Latte fresco pastorizzato:
trattato a 72-78 °C per 15-20 secondi. Si conserva fino a 6 giorni in frigorifero (4-6 °C).

Latte fresco pastorizzato di Alta qualità:
sottoposto ad una pastorizzazione meno aggressiva (72 °C per 15-18secondi), si conserva fino a 6 giorni in frigorifero.

Latte microfiltrato pastorizzato:
sottoposto a un processo di microfiltrazione che ne aumenta la durata anche 20 giorni dopo quello del trattamento termico.

Latte sterilizzato UHT (Ultra High Temperature) – a lunga conservazione:
trattato da 135 a 150 °C per 2-4 secondi, confezionato in condizioni asettiche; si conserva a temperatura ambiente per almeno 3 mesi.

Latte delattosato:
adatto al consumo di chi è intollerante grazie all’utilizzo dell’enzima lattasi che rende i suoi zuccheri più assimilabili, (con la denominazione “senza lattosio” si intende una quantità inferiore allo 0,1% per 100 ml).

 

TAGS
educazione alimentarelatteproprietàscuolavalori nutrizionali

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi