Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Notizie

Carlo Petrini: Recuperare il valore del cibo

21.10.17

Il presidente di Campagna Amica, dal forum Coldiretti di Cernobbio, lancia l’allarme: “Ormai il cibo è solo prezzo, così perde la sua identità e non si risolvono i problemi”

Carlo Petrini: “Recuperare il valore del cibo”

Cibo. E’ ruotato intorno al cibo, e non poteva essere altrimenti, l’intervento del presidente di Fondazione Campagna Amica Carlo Petrini al Forum Coldiretti di Cernobbio. Un intervento seguito in apnea della platea in sala e collegato sui vari schermi, inchiodata ad ascoltare il fondatore di Slow Food che ha toccato alcuni dei temi più delicati dei nostri tempi con passione e precisione.
Si è perso il valore del cibo – ha spiegato Petrini – ormai la domanda ricorrente è ‘quanto costa’ e non ‘quanto vale’. Questo processo – ha proseguito – ha fatto perdere identità al cibo e ha portato a una continua rincorsa al prezzo più basso che non è la soluzione alla fame nel mondo, anzi”. Secondo Petrini, infatti, bisogna recuperare la centralità del cibo e di conseguenza ridurre gli sprechi: “Solo riaffermando questa centralità – ha detto – potremmo ridare vita alle nostre campagne che si stanno svuotando. Parlare di cibo significa parlare di alimentazione, di cultura, di antropologia, di spiritualità, di salute e scienza e di tante altre cose. Il cibo non può essere solo prezzo ma va compreso io una sua dimensione olistica”.

Petrini, si è soffermato anche sul problema di inurbamento, e di come le campagne siano sempre rischiano di svuotarsi: “Nel 2008 – ha affermato con preoccupazione – gli abitanti delle città hanno superato quelli delle campagne. E dal 2008 ad oggi questa tendenza è andata aumentando. I giovani non trovano più in campagna un progetto di vita, non sono più affascinati e così si rischia di svuotare le nostre campagne. Dobbiamo – ha spiegato – pensare a nuove forme di ruralità. Quello che fa Campagna Amica con i suoi mercati, con l’agricoltura sociale, con gli agriasilo e con tutte le sue molteplici attività, è la costruzione di una nuova società. Così riusciamo a riportare i giovani in campagna”.

Perdita del valore del cibo, inurbamento e concentrazione del potere, eccolo il terzo dei “mali” dei nostri tempi individuato da Petrini: “C’è una concentrazione di potere nel campo del cibo che sta facendo impoverire sempre di più i nostri contadini. La politica dovrebbe dare delle risposte concrete, non si può stare sotto schiaffo del libero scambio. Quello che c’è da fare – aggiunge – è costruire un fronte di conoscenza che sia aperto a tutti, tutti devono essere informati senza accentramenti. I saperi tradizionali e quelli accademici devono potersi confrontare. Quello di sapere cosa mangiamo nei nostri piatti è un diritto inalienabile”.

TAGS
agricoltura; impresa; marketing; giovani; formazione;carlo petrinicernobbiocibocoldirettipetrinislow food

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi