Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
I consigli del nutrizionista

Più cibo sano, la prima buona abitudine del 2017

05.01.17

Non serve saltare i pasti dopo un’abbuffata: non aiuta affatto, anzi, può rivelarsi controproducente perché crea squilibri nella regolazione del metabolismo

Più cibo sano, la prima buona abitudine del 2017

I buoni propositi sono un “must” dell’inizio anno, ma con il trascorrere dei giorni la loro lista si assottiglia a vista d’occhio: ricadere nelle cattive abitudini è un attimo! Quel che non sparisce così velocemente, però, sono i chili presi durante le Feste. Il problema è lì, concreto e palpabile…
Come fare dunque recuperare la linea? Molti ricorrono all’eliminazione assoluta di pane, pasta, riso e frutta. Completamente errato! Si segue un tipo di dieta iperproteica in cui l’eccesso di proteine e di grassi, sporcano le arterie e, se all’inizio danno l’illusione di far perdere velocemente peso, dopo non solo i chili persi si riacquistano ma se ne aggiungono anche altri, con interessi da usurai. La soluzione più equilibrata sta nel fare almeno 5-6 piccoli pasti al giorno per tamponare l’insulina in eccesso, che fa ingrassare. Il segreto è mangiare tanta buona frutta, verdura (alternando fresca e cotta) di stagione e se possibile privilegiare i prodotti a km zero del proprio terroir. Bisogna anche ricordarsi di bere un bicchiere d’acqua per ogni ora in cui siamo svegli e non usare cibi light come se fossero la panacea. Qualcuno infatti ricorre a questi cibi particolarmente leggeri, che però non servono per dimagrire perché non appagano il palato e saziano molto meno degli alimenti normali. Quando ad un cibo viene tolta una parte di grassi, risulta certamente meno calorico, ma anche meno appetitoso e saziante, con il rischio di mangiarne di più. Spesso, i cibi light contengono pure sostanze chimiche tutt’altro che salutari (come gli addensanti nel caso dei formaggi, per renderli più cremosi), oppure grassi vegetali idrogenati e idrogenati, potenzialmente cancerogeni.
Un’abitudine poi da non seguire è quella del digiuno che segue ai sensi di colpa dopo le abbuffate. Non serve saltare i pasti nei giorni successivi: non aiuta affatto, anzi, può rivelarsi controproducente perché crea squilibri nella regolazione del metabolismo glucidico. Piuttosto, è utile fare sport e aumentare le passeggiate nel verde, sfruttando tutte le occasioni di movimento.

A cura di Giorgio e Caterina Calabrese

TAGS
pasti; cibi light; dieta; verdura; frutta; alimentazione;

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi