Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Cibi e ricette

A Pompei si gusta l’idromele, bevanda degli dei

24.11.16

Succede a Eatstory, all’interno del percorso archeologico, dove i turisti possono vivere l’esperienza di assaggiare il cibo dei Romani

              
La bevanda degli dei questa settimana a “Eatstory – Da noi il cibo ha una storia”, l’iniziativa di Coldiretti realizzata all’interno degli scavi di Pompei in collaborazione con Ministero dei Beni Culturali, Soprintendenza Speciale e Grande Progetto Pompei. Ogni martedì e venerdì gli agricoltori di Campagna Amica ospitano a casina dell’Aquila negli orari di apertura, all’interno del percorso archeologico, i turisti che vogliano vivere l’esperienza di assaggiare il cibo dei Romani. Il legame tra cultura e agroalimentare si è rivelata una formula vincente, apprezzata dai visitatori provenienti da tutto il mondo.
Venerdì torna l’idromele, prodotto dalla fermentazione del miele con l’aggiunta di acqua. È con ogni probabilità la bevanda fermentata più antica del mondo, più della birra, in quanto non era necessaria alcuna coltivazione per poterla produrre e nell’antichità era nota come "la bevanda degli dèi". L’idromele viene citato da alcuni autori romani antichi (Appio, I secolo dopo Cristo, e Varrone, I secolo avanti Cristo) come una bevanda da ricchi. Nei testi classici greci e romani, accanto all’idromele (o acqua mulsa) compaiono l’ossimele (miele e aceto, una bevanda rinfrescante di sapore agrodolce, molto usata come condimento), e il vino mulso (vino mescolato con miele), di cui spesso vengono enumerati i benefici per la salute (per esempio Plinio, primo secolo dopo Cristo, nel suo Naturalis Historiae). Dall’uso di questa bevanda nei riti nuziali antichi deriverebbe anche “luna di miele”.
Il menu pompeiano, riproposto grazie a Coldiretti, prevede un vero e proprio viaggio storico-gastroomico: dalla “scriblita” (focaccia con spezie) al “caseus” (ricotta), dalla “brassica pompeiana“ (cavolo pompeiano in salsa di garum) alla “patina de apua fricta” (torta di acciughe fritte), dalla “mala” (mele annurche) alle “caricae” (fichi secchi) del Cilento, dai “basynias” (struffoli) al “falernum rubrum” (falerno del massico rosso).
Si tratta di specialità che sono state trasmesse praticamente inalterate nel corso dei secoli grazie all’impegno di generazioni di agricoltori che ne hanno custodito gelosamente tecniche e segreti. Dai reperti emerge che l’alimentazione dei pompeiani era a base di verdura e frutta che venivano vendute in gran quantità nelle botteghe insieme all’olio.
TAGS
romani; tradizione; campania; pompei; cibo; storia;