Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Un mare di salute

G…come grongo, pesce serpentiforme versatile in cucina

02.10.20

Molto diffuso nei nostri mari, è una specie poco conosciuta. In realtà è ricca di proprietà nutritive e ha carni molto gustose adatta alla preparazione di innumerevoli ricette

G…come grongo, pesce serpentiforme versatile in cucina

Vai nella sezione “Un mare di salute” e leggi gli speciali a cura di Coldiretti Impresa Pesca

Appartenente alla famiglia Congridae, il grongo (o gronco) è un pesce osseo diffuso nell’Oceano Atlantico, nel Mar Nero e nel Mar Mediterraneo ed è molto presente anche in tutti i mari italiani. Si può incontrare a profondità di 300 metri, ma sono stati pescati anche esemplari a 1.100 metri. Il grongo vive nelle cavità rocciose o nei fondali sabbiosi da cui esce solo di notte per procacciarsi cibo. È una specie carnivora che si nutre principalmente di invertebrati bentonici, molluschi e altri piccoli pesci.

Possedendo un corpo serpentiforme viene spesso paragonato all’anguilla ma in realtà il grongo è molto più massiccio e robusto e può superare anche i 2 metri di lunghezza per 10 kg di peso. La colorazione è grigio-bruna e sulla pancia si schiarisce molto arrivando ad essere quasi bianca. Il muso è allungato e la bocca ampia.

È un pesce che solitamente viene pescato in tutti i mesi dell’anno, quasi sempre con attrezzi quali reti a strascico e volanti ma anche reti da posta e palamiti. Inoltre è sempre disponibile sui banchi del pesce.

Per riconoscere la sua freschezza occorre tenere presente le caratteristiche generali che identificano se un pesce è fresco o meno: le carni sode e compatte, l’odore gradevole, l’occhio bombato e il colore brillante.

Benché non sia una specie troppo consumata, perché poco conosciuta, in realtà il grongo è ricco di proprietà nutrizionali. Si prediligono gli esemplari giovani che hanno carni ricche di Omega-3, sali minerali, proteine dall’alto valore biologico e un basso apporto di calorie quindi possono essere consumate anche da chi segue un regime di dieta ipocalorico. Tuttavia la presenza di lische è cospicua per cui ciò non lo fa preferire ai più piccoli.

In cucina il grondo è molto versatile, le sue carni saporite lo rendono protagonista di svariati metodi di preparazione. Lo si può cucinare in umido, bollito, arrosto, alla griglia… ed è anche utilizzato nella preparazione di importanti ricette regionali come ad esempio il caciucco alla livornese.

 

Ricetta: Grongo al vino bianco

Ingredienti per 4 persone:

1 grongo da un kg

1 bicchiere di vino bianco secco

1 carota

1 cipolla

1 spicchio di aglio

1 ciuffo di prezzemolo

4 cucchiai di farina

4 fette di pane casereccio

q.b. olio extravergine di oliva

q.b. sale e pepe

Procedimento:

Pulire, lavare e tagliare il grongo a pezzi piuttosto piccoli, oppure far eseguire questo procedimento al pescivendolo. Con aglio, carota e cipolla fare un soffritto. Infarinare i pezzi del grongo e farli rosolare nel soffritto. Aggiustare di sale e pepe e bagnare con il vino bianco facendolo evaporare. A questo punto coprire con un coperchio e far cuocere per circa 20 min. Tritare finemente il prezzemolo e spolverizzarlo sul pesce una volta cotto. Tostare le fette di pane in forno e metterle nel piatto di portata col pesce servendo il tutto caldo.

TAGS
beneficimade in Italymercato contadinomiglio zeropescepesce italianoproprietà

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi