Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Un mare di salute

A…come Alaccia, pesce azzurro del Mediterraneo

27.03.20

Alimento ittico molto noto e consumato dagli italiani, è particolarmente apprezzata per il suo sapore e la sua ricchezza nutritiva

A…come Alaccia, pesce azzurro del Mediterraneo

Vai nella sezione “Un mare di salute” e leggi gli speciali a cura di Coldiretti Impresa Pesca

L’alaccia appartiene alla famiglia Clupeidae, la stessa delle sardine e delle aringhe. In effetti assomiglia molto alla sardina, ma si distingue da essa per una dimensione maggiore e per una forma più spessa, oltre che per la presenza di una caratteristica linea di colore giallo sul fianco che però può scolorire dopo la cattura. Vive in banchi numerosi e predilige acque piuttosto calde. Si trova prevalentemente al largo del Mediterraneo, nell’Adriatico e nel Mar Ligure, ma anche nell’Atlantico sul versante dell’America del Sud e il Mar dei Caraibi.

Si nutre principalmente di plancton e a sua volta è preda di pesci più grandi come il tonno o il pesce spada.

L’alaccia può arrivare fino a 25/35 cm di lunghezza, ha un corpo allungato e fusiforme, compresso nella parte ventrale e coperto di squame grandi. La sua livrea è di color argento con il dorso verde-azzurro e una caratteristica linea dorata sul fianco. L’opercolo è liscio e presenta una piccola macchia nera sul bordo posteriore di esso.

Solitamente si pesca tutto l’anno, specialmente nei mesi caldi tra maggio e ottobre, periodo in cui avviene la riproduzione. Spesso la sua pesca è più proficua la sera, quando il mare è calmo. Per pescare le alacce si utilizzano gli stessi attrezzi utilizzati per sardine ed acciughe. Vengono preferite reti a circuizione, reti trainate e reti da posta. A volte vengono utilizzate anche le reti volanti pelagiche a coppia.

Essendo un pesce azzurro ha numerose proprietà: è un’ottima fonte di proteine ad elevato valore biologico ed acidi grassi polinsaturi Omega-3, Vitamine sopratutto del gruppo D e del gruppo B, e Sali minerali quali fosforo e selenio.

La ricetta della tradizione vuole che l’alaccia venga conservata sotto sale o sott’olio. E oggi viene consumata così come antipasto o accompagnata con pane. In alternativa si può togliere l’alaccia dall’olio e metterla in soffritto per arricchire ad esempio un sughetto di mare. Se si acquista l’alaccia fresca essa si presta benissimo alla frittura.

 

Ricetta: Filetti di Alaccia gratinati

Ingredienti per 4 persone:

16 filetti di alaccia puliti e aperti a portafoglio

1 mazzetto di prezzemolo fresco

3 cucchiai di olio EVO

pane grattugiato q.b.

sale q.b.

pepe q.b.

aglio q.b.

Procedimento

Preriscaldare il forno a 200°. Preparare una teglia o una placca da forno foderandola con della carta forno unta di olio EVO. Sciacquare i filetti di alaccia sotto l’acqua fredda corrente, tamponarli leggermente con della carta assorbente da cucina e posizionarli sulla placca da forno oliata. Versare in un frullatore il pane grattugiato, il pepe, il sale, l’aglio, 3 cucchiai di olio EVO e il prezzemolo lavato e mondato e preparare una panatura omogenea. Con l’aiuto di un cucchiaio distribuire la panatura sui filetti di alaccia pressandola per farla aderire bene. Irrorare la superficie con dell’olio EVO e infornare cuocendo per 20 minuti circa. Quando i filetti saranno pronti toglierli dal forno e portarli in tavola ancora belli caldi.

TAGS
beneficimade in Italypescepesce italianoproprietà

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi