Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Notizie

Foreste e boschi, lo stato attuale nel mondo

21.03.20

Secondo i dati della FAO, il 31% della superficie delle terre emerse del nostro pianeta è attualmente coperto da ecosistemi forestali

Foreste e boschi, lo stato attuale nel mondo

Secondo i dati della FAO, il 31% della superficie delle terre emerse del nostro pianeta è attualmente coperto da ecosistemi forestali. Le foreste nel mondo sono distribuite in modo non uniforme: poco meno della metà nelle zone tropicali, circa un terzo nelle zone boreali e una piccola parte nelle zone temperate e subtropicali.

Ma la salute delle nostre foreste non è buona se pensiamo ad esempio ai gravi incendi che si sono verificati nell’ultimo anno in Australia, e prima ancora in Siberia, Alaska, Groenlandia, Angola e Congo. Solo in Australia sono stati distrutti 10 milioni di ettari, mentre il WWF stima che nel 2019 sono andati in fumo 12 milioni di ettari di foresta Amazzonica, 8 milioni nell’area artica, 328 mila tra foreste e altri habitat in Indonesia, circa 27mila ettari nel Bacino del Congo.

E se dalle superfici passiamo alle unità si può stimare che ogni anno perdiamo circa 15 miliardi di alberi e oggi in tutto il pianeta il numero complessivo non arriva a 3 mila miliardi. Una cifra che sembra enorme, ma è la metà di quanto avevamo a disposizione solo qualche decennio fa.

I numeri sono impietosi e allarmanti, ma ancora di più lo sono le cause, legate quasi sempre alla mano dell’uomo: la ricerca di nuove aree coltivabili in modo intensivo, lo sfruttamento per fini edilizi o minerari, l’utilizzo del legno come combustibile o come materiale pregiato.

Secondo un recente rapporto di Greenpeace l’80% della deforestazione globale è provocato dall’agricoltura industriale, in particolare per la coltivazione di soia, olio di palma e cacao: dal 2010 le aree coltivate a soia in Brasile sono cresciute del 45%, la produzione di olio di palma indonesiano del 75% e l’area totale di terreni coperti dalle piantagioni di cacao in Costa d’Avorio dell’80%.  Si stima che tra il 2010 e il 2020 almeno 50 milioni di ettari, un’area delle dimensioni della Spagna, saranno stati distrutti.

E se pensiamo anche agli incendi, le fiamme non sono altro che il risultato della combinazione di deforestazione, agricoltura intensiva e cambiamenti climatici.

Purtroppo da un’analisi delle mappe satellitari svolto dal Global Forest Watch emerge che   nonostante gli sforzi dei governi del mondo, gli annunci, gli impegni delle associazioni ambientaliste, il tasso di deforestazione permanente nel mondo, soprattutto legato al commercio di merci, è rimasto inalterato dal 2001 fino ad ora.

Le conseguenze di questa situazione cominciano ad essere sempre più evidenti: non più qualcosa che riguarda luoghi lontani da noi ma, in un’ottica necessariamente globale, qualcosa che tocca direttamente la nostra vita quotidiana. I cambiamenti di uso del suolo, l’intensificazione degli allevamenti intensivi, la perdita della biodiversità sono tutti fattori che intensificano i rapporti tra uomo, fauna domestica e fauna selvatica. Inoltre, la cattiva qualità ambientale, l’inquinamento dell’aria, l’eccessiva densità di popolazione nelle aree urbane sono fattori che ci rendono ancora più vulnerabili.

Oggi più che mai è arrivato il momento di iniziare una riflessione seria sulle conseguenze che gli interventi dell’uomo hanno sull’ambiente e sulla nostra salute. Dobbiamo cambiare direzione e dobbiamo farlo in fretta.

Fonti

Greenpeace (2019) – Conto alla rovescia verso l’estinzione

WWF (2019) – Un anno di fuoco

FAO (2018) – The State of the World’s Forest

TAGS
alberiambienteecologiaGiornata Mondiale Foreste e Boschisalvaguardia

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi