Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Notizie

Speciale spreco, i rimedi della cucina contadina

05.02.20

Dalla cucina contadina dei nostri Agrichef arrivano tante proposte per recuperare in modo goloso il cibo ancora buono che rischia di finire nella spazzatura. Segui i nostri consigli

Speciale spreco, i rimedi della cucina contadina

Dalla cucina contadina dei nostri Agrichef arrivano tante proposte per recuperare in modo goloso il cibo ancora buono che rischia di finire nella spazzatura. Il buon senso della cucina popolare ci insegna a sfruttare i prodotti più umili, reinventando gli avanzi trasformandoli in nuove pietanze altrettanto gustose.

Il pane è sicuramente uno degli alimenti a rischio spreco, perché perde inevitabilmente la sua freschezza in pochi giorni. Proprio per questo, secondo il principio del “non si butta via nulla” è diventato l’ingrediente base di molte ricette nate nelle cucine contadine e arrivate fino ai giorni nostri.

La panzanella, ad esempio, è semplicemente pane bagnato con olio e acqua, insaporito con pomodoro o quanto si ha a disposizione. Tipica della Toscana, si diversifica poi in base alle materie prime tipiche del territorio: pane sciapo in Toscana, pane di Genzano nel Lazio, friselle in Puglia e Campania, cipolla di Tropea in Calabria.

In Sicilia il pane cunzatu (pane condito) era il cibo tipico di chi non poteva permettersi pasta, carne, uova o pesce e veniva spesso accompagnato da verdure crude come la cipolla, o farcito con pomodoro, acciughe, primo sale. In Trentino il pane è l’ingrediente principale di un primo piatto tipico: i canederli. Anche in questo caso viene utilizzato il pane raffermo, arricchito con speck, uova, prezzemolo e formaggio. Una ricetta che racchiude tutti i sapori tipici della montagna, dagli insaccati ai formaggi, dalle erbe di alpeggio al bordo che va ad insaporire il tutto.

Con l’aggiunta di verdure, legumi, brodo, il pane diventa protagonista di gustose zuppe. L’etimologia della parola dice già tutto: zùppa, infatti, viene dal Germanico suppa che significa “fetta di pane inzuppata”.

La cucina italiana tradizionale e regionale ne è piena, da quelle “primordiali” a base di solo pane, acqua, un po’ d’olio, talvolta aglio, a quelle “arricchite”. In questi casi gli ingredienti base sono sempre pane e un liquido, solitamente brodo, insaporiti però con salumi, formaggi, carne, uova o legumi che rendono il piatto più nutriente. Un esempio è sicuramente la ribollita, a base di cavolo nero, fagioli e verza, che nasce dall’abitudine delle contadine toscane di preparare una grande quantità di questa minestra e poi riscaldarla nei giorni successivi. Proprio il fatto che essa venisse “ribollita” la distingueva da una normale minestra di pane e ogni volta che veniva riscaldata diventava sempre più gustosa.

Infine, ci sono i pancotti: pane cotto, appunto, in acqua variamente aromatizzata, con aggiunte differenti da regione a regione. In Toscana si cucina la classica pappa al pomodoro, la versione pugliese è arricchita da verdure come la cicoria, ma anche da patate, fave e broccoli. Nella versione calabrese non mancano pomodoro e peperoncino, mentre nel Lazio viene utilizzato il pecorino.

L’utilizzo del pane arriva fino al dessert: la torta di pane è un dolce della tradizione contadina a base di pane raffermo bagnato con acqua o latte a cui vengono aggiunti, uva passa, pinoli, miele, frutta o quanto ogni famiglia aveva in casa.

Le preparazioni a base di pane sono sicuramente quelle più tipiche della cucina contadina perché poco elaborate e basate su ingredienti molto semplici. Tuttavia, entrando in cucine più ricche e con molta servitù dedita alla cucina, possiamo trovare anche ricette di polpette, polpettoni, ripieni di vario tipo, nate con le stesse finalità.

Se poi è la pasta a essere avanzata, la tradizione napoletana ci offre la possibilità di fare un’ottima frittata di pasta: una ricetta ricca e sostanziosa che, grazie all’aggiunta di uova e formaggio, conferisce alla pasta ormai stantia e secca, un aspetto nuovamente appetitoso, ideale per essere consumata il giorno seguente, anche come piatto unico.

TAGS
agrichefcontadiniricettericette antichesprecospreco alimentare

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi