Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Notizie

Parma 2020, inaugurazione Capitale italiana della cultura

12.01.20

Un’occasione anche per tutelare l’identità e il buon nome di una città che è sinonimo di qualità e buona alimentazione nel mondo

Parma 2020, inaugurazione Capitale italiana della cultura

L’anno di capitale della cultura deve essere anche l’occasione per tutelare l’identità e il buon nome di una città che è sinonimo di qualità e buona alimentazione nel mondo dove purtroppo il termine Parma è il più usurpato per indicare produzioni che nulla hanno a che fare con il territorio, con il Parmigiano Reggiano che è il prodotto agroalimentare più imitato e diventa Parmesan dagli Stati Uniti all’Australia, dal Sudafrica fino alla Russia, Parmesano in Uruguay o Parmesao in Brasile senza dimenticare i formaggi similari che si moltiplicano anche in Europa. È quanto afferma la Coldiretti in occasione dell’inaugurazione dell’anno di “Parma capitale della cultura” con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Un’occasione straordinaria con la città di Parma che si trova nel cuore della food valley italiana dalla quale nasce circa 1/3 del cibo Made in Italy che è diventato la prima ricchezza del Paese con la filiera agroalimentare estesa, dai campi agli scaffali e alla ristorazione, che raggiunge in Italia una cifra di 538 miliardi di euro pari al 25% del Pil ed offre lavoro a 3,8 milioni di occupati. S

i tratta di una leva strategica per la crescita ma anche della più radicata espressione della cultura popolare e il simbolo più riconosciuto dell’Italia all’estero oltre ad essere di fondamentale importanza per l’ambiente e la salute.

Occorre proteggere il buon nome delle produzioni del territorio dalle imitazioni di bassa qualità che si moltiplicano a livello nazionale e all’estero dal Parma salami al Parma Ham fino al Parmesan la cui produzione nel mondo ha addirittura superato quella del prodotto originale anche grazie agli accordi di libero scambio come il Ceta che ha legittimato per la prima volta nella storia dell’Unione Europea le imitazioni del Made in Italy a partire dal Parmigiano Reggiano, che può essere liberamente prodotto e commercializzato dal Canada con la traduzione di Parmesan.

Occorre lavorare per accordi che tutelino il Made in Italy dalla concorrenza sleale e garantiscano scelte consapevoli ai consumatori nel rispetto della sicurezza alimentare con parità delle condizioni, efficacia dei controlli e reciprocità delle norme.

TAGS
Capitale italiana culturaciboeccellenzeenogastronomiamade in Italyparma

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi