Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Un mare di salute

Additivi alimentari e sostanze chimiche, attenzione sul banco del pesce

27.12.19

Spesso nelle pescherie arrivano prodotti ittici “truccati”, gonfiati di additivi alimentari, o altre sostanze chimiche molte volte non dichiarate, per farli sembrare sempre freschi e perfetti

Additivi alimentari e sostanze chimiche, attenzione sul banco del pesce

Vai nella sezione “Un mare di salute” e leggi gli speciali a cura di Coldiretti Impresa Pesca

Un additivo alimentare è una sostanza aggiunta intenzionalmente nelle preparazioni dei cibi per renderli più accattivanti nell’aspetto, nel sapore e nella consistenza in modo da essere più appetibili sul mercato, nonché per rallentarne il processo di disintegrazione.

Gli additivi, di origine naturale o di sintesi chimica, possono essere aggiunti in molte fasi della preparazione degli alimenti e, a seconda dell’effetto che apportano al prodotto, si distinguono in acidificanti, addensanti, emulsionanti, stabilizzanti, antiossidanti, edulcoranti, esaltatori di sapidità… Tutti, o quasi, riconosciuti e classificati dall’Unione Europea, alcuni permessi in piccole quantità ed altri invece vietati.

La lista degli additivi usati per conservare il pescato e farlo sembrare fresco e perfetto è lunga e molte volte, dato che vengono utilizzati in maniera scorretta, non è semplice smascherare le truffe.

Per i prodotti ittici gli additivi più comunemente utilizzati sono: i solfiti, i quali impediscono ad esempio l’annerimento dei crostacei; le sostanze antiossidanti, quali ad esempio l’acido citrico, che prolungano la conservazione del pesce proteggendolo dall’ossidazione; i polifosfati che si usano per trattenere l’acqua del pesce con conseguente riduzione del peso dopo la cottura, trattamento ingannevole ma previsto dalla legge; l’acqua ossigenata, vietata dalla legge ma a volte utilizzata per dare un colorito più lucente ai molluschi, soprattutto seppie, calamari e totani; il “Cafodos”, miscela illegale di alcuni composti chimici che fa apparire il pesce sempre fresco anche se internamente è in fase avanzata di deterioramento.

Le caratteristiche di questi alimenti devono essere obbligatoriamente presenti in etichetta, e sono riconoscibili con la lettera “E” seguita da un codice che ne identifica la tipologia. In questo modo il consumatore è cosciente di ciò che sta acquistando.

Tuttavia capita sempre più frequentemente che le etichette non siano complete e che non includano proprio tutti gli additivi presenti in quell’alimento, né tanto meno la dose, che spesso è eccessiva rispetto al dovuto.  Ciò ovviamente comporta un serio rischio per la salute dell’organismo.

Per poter evitare simili truffe occorre ovviamente leggere l’etichetta del pesce che deve essere sempre disponibile e, si spera, completa. Stare attenti alle contraffazioni e alle sostituzioni delle specie. Prestare attenzione alle caratteristiche di freschezza del pesce (brillantezza del colore, carni sode, branchie rosse, occhio vivo). Tenere in considerazione la stagionalità del pescato e cercare di prediligere sempre la pesca locale a miglio zero.

TAGS
made in Italymercato contadinopescepesce italiano

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi