Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Un mare di salute

Pesce fresco, i metodi di conservazione

13.12.19

Tutti i prodotti ittici sono alimenti e come tali possono causare intossicazioni o infezioni se non adeguatamente conservati e trattati

Pesce fresco, i metodi di conservazione

Vai nella sezione “Un mare di salute” e leggi gli speciali a cura di Coldiretti Impresa Pesca

Quando si acquista in pescheria o al supermercato del pesce fresco è bene conoscere le dovute modalità di conservazione se non lo si vuole consumare subito. I prodotti ittici, essendo alimenti a tutti gli effetti, sono altamente deteriorabili, pertanto se non si conservano nei modi adeguati possono comportare seri rischi per la salute dell’organismo.

Per evitare brutte sorprese è utile applicare qualche piccolo accorgimento.

Primo tra tutti bisogna tenere a mente che è possibile conservare in frigorifero il pesce appena comprato dopo averlo eviscerato, lavato e accuratamente asciugato, per un massimo di tre giorni, dopodiché va cucinato e consumato.

Altrimenti, sempre dopo averlo eviscerato, lavato e asciugato, è possibile riporlo nel congelatore dai 3 ai 6-8 mesi a seconda della tipologia di pesce, se è più o meno grasso. Il pesce poi va scongelato lentamente lasciandolo in frigorifero prima di utilizzarlo.

Se lo si volesse consumare crudo invece bisogna preventivamente abbatterlo, ossia riporlo, da fresco, per almeno 96 ore (4 giorni) in un congelatore con perlomeno tre stelle ***.

Un’altra tipologia di conservazione del pesce è quella di metterlo in salamoia (o sott’olio). Per fare ciò occorre eviscerarlo, lavarlo e cuocerlo in salamoia al 20-25% a circa 100° per 60-90 minuti. Dopodiché va scolato, asciugato e bisogna attendere circa 12 ore prima di riporlo nei vasetti. Una volta messo nei vasetti, occorre ricoprirli di olio o salamoia, chiuderli e bollirli per almeno 2 ore ad alta temperatura. Il pesce cosi conservato può durare fino a 1 anno.

Altri metodi di conservazione del pesce, utilizzati per lo più a livello industriale e commerciale, possono essere l’affumicatura, che è una tecnica, con origini antiche, usata soprattutto nel Nord Europa. Si tratta di lasciare pezzi di pesce, o piccoli pesci interi, esposti al fumo ricavato dalla combustione della legna. Ovviamente i pesci devono essere preventivamente puliti, lavati, abbattuti e poi riposti in camere sature di fumo ottenuto dal legno di betulla, castagno o quercia, che aromatizza e disidrata l’alimento favorendone la conservazione per penetrazione delle sostanze aromatiche.

La marinatura è un’altra tecnica di conservazione/preparazione che consiste nell’immergere, o ungere, per un determinato periodo di tempo gli alimenti crudi (preventivamente abbattuti), o anche prima e durante la cottura per essere insaporiti, in un liquido ad alto contenuto acido, come ad esempio vino, birra, aceto, succo di limone spesso miscelato con olio, spezie, erbe.

Come l’affumicatura, anche l’essicazione è una tecnica di conservazione del pesce molto antica utilizzata soprattutto nei Paesi nordici per quanto riguarda il merluzzo. Il pesce, dopo essere stato pulito, eviscerato, lavato, diliscato e asciugato, viene lasciato appeso a dei particolari tralicci sotto il sole per diversi mesi fino al raggiungimento dell’opportuna consistenza (tipica ad esempio dello stoccafisso). Anche in Grecia viene spesso utilizzato questo metodo per i polpi per ammorbidirne i tessuti. A livello industriale l’essicazione invece viene fatta lasciando il pesce esposto per 2-3 mesi a correnti di aria calda. Prima del consumo, è necessario reidratare il pesce esiccato tenendolo in ammollo per 2-3 giorni in acqua corrente.

Altre due procedure di conservazione sono la salatura a secco e la salatura in umido. Queste due tecniche sfruttano il potere osmotico del sale sulle carni: il sale, posto a contatto con i tessuti muscolari del pesce, attira l’acqua in essi contenuta, questi si disidratano e così impediscono la formazione e il proliferarsi di microrganismi che potrebbero risultati dannosi per la salute. La prima tecnica, la salatura a secco, può essere applicata già sul peschereccio sempre previa eviscerazione, lavaggio e sfilettamento. Necessita di numerosi controlli e diverse lavorazioni utili alla rimozione dei liquidi in fuoriuscita dal tessuto del pesce e alla sostituzione del sale di copertura. La seconda invece, la salatura in umido, consiste nella disposizione dei pesci in recipienti di ceramica in cui vengono ricoperti con una soluzione acquosa al 15-30% di cloruro di sodio che deve essere mantenuta per alcuni giorni e termina con l’essiccazione del pesce che raggiunge un’umidità complessiva del 40%.

TAGS
ciboconservazionepescepesce italiano

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi