Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Un mare di salute

Z… come zerro, il pesce buono ma povero

06.12.19

Spesso poco considerato, a volte rigettato in mare quando pescato, lo zerro è considerato un pesce “povero” ma in realtà molto interessante dal punto di vista nutrizionale

Z… come zerro, il pesce buono ma “povero”

Vai nella sezione “Un mare di salute” e leggi gli speciali a cura di Coldiretti Impresa Pesca

Pesce osseo della famiglia Centracanthidae, lo zerro si può trovare nell’Oceano Atlantico orientale, dal Portogallo alle Canarie, Mar Nero e Mar Mediterraneo ed è molto comune nei mari Italiani. È una specie gregaria, vive in banchi principalmente su praterie di Posidonia oceanica, pianta acquatica caratteristica del Mar Mediterraneo, ma anche su fondali sabbiosi o fangosi, di rado su roccia.  Nel Mar Ionio orientale è stato catturato anche a 328 metri.

Si nutre per lo più di zooplancton, crostacei e anellidi.

Lo zerro, che è una specie ermafrodita proteroginica, ovvero nasce femmina e crescendo diventa maschio, ha un corpo fusiforme, allungato, leggermente compresso lateralmente e ricoperto di piccole squame. La bocca, tagliata obliquamente, si può allungare a tubo con mascelle molto protrattili. La pinna dorsale, unica, è lunga e le sue proporzioni differiscono tra giovani e adulti, tra maschi e femmine. L’anale, molto più corta subisce le stesse variazioni. La caudale è forcuta mentre le pettorali sono lunghe e appuntite. Le ventrali invece sono più corte e non raggiungono l’apertura anale. La livrea varia con l’età, il sesso e la stagione. Solitamente gli esemplari femmina presentano strisce nerastre verticali dal dorso ai fianchi, mentre gli esemplari maschio presentano linee azzurrine che corrono sui fianchi e nel periodo nuziale sono caratterizzati invece da una livrea coloratissima. Le pinne sono giallastre, la pinna caudale talvolta ha riflessi rossastri. Per quanto riguarda la lunghezza, le femmine arrivano al massimo a 15 cm e i maschi a 20 cm.

Lo zerro si può trovare tutto l’anno e solitamente viene pescato con reti da posta, nasse e lenze. Nelle regioni, come ad esempio la Puglia, in cui la sua pesca è praticata in maniera più intensa, vengono utilizzate anche reti a strascico.

È però spesso considerato un pesce “povero” perché poco redditizio dal punto di vista commerciale. Non essendo molto apprezzato molte volte viene rigettato in mare quando viene pescato perché rappresenta uno scarso guadagno alla vendita. In realtà ha carni molto meritevoli dal punto di vista nutrizionale. Nonostante non possa competere con altre specie di più alto valore, può comunque contribuire al benessere dell’organismo.

Per essere certi della sua freschezza quando si deve acquistare, come per altre specie, anche per quanto riguarda lo zerro bisogna prestare attenzione al colore che deve apparire vivo e brillante, alle carni che devono presentarsi compatte e sode e le squame ben attaccate al corpo e all’odore che deve risultare gradevole.

Le carni dello zerro sono delicate e discretamente buone: fornisce proteine ad alto valore biologico, vitamine e Sali minerali, in particolare il calcio. Viene solitamente utilizzato in cucina per la preparazione di zuppe, oppure fritto, grigliato o cotto in padella.

 

Ricetta dell’Agrichef Diego Scaramuzza dell’Agriturismo La Cascina da Diego

Zerro e zucchine alla scapece

Ingredienti per 4 persone

1 kg di zerri

300 gr di zucchine

2 cucchiai di aceto

1 spicchio di aglio

q.b. menta

q.b. olio Evo

q.b. farina 00

q.b. peperoncino

Procedimento:

Lavare le zucchine, infarinarle e friggerle in olio evo facendole imbiondire. Scolarle e metterle in una terrina. Salarle e aggiungere la menta a pezzetti. A parte lavare e pulire gli zerro, infarinarli e friggerli nello stesso olio delle zucchine (scolarli quando sono belli croccanti). In un pentolino far bollire 1 cucchiaio d’acqua con l’aceto e l’aglio a pezzetti. Versare il liquido ancora caldo sulle zucchine e sugli zerri aggiungendo 2 cucchiai di olio della frittura. Servire dopo aver fatto riposare per un paio di ore.

TAGS
agrichefcucinapescepesce italianoproprietà beneficiricetta

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi