Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Notizie

World Pasta Day, la festa dal gusto italiano

25.10.19

L’evento, organizzato dall’International Pasta Organization, celebra il ruolo di questo alimento nel nutrire tanti popoli diversi e la sua capacità di adattarsi a ogni cultura

World Pasta Day, la festa dal gusto italiano

LEGGI I NOSTRI APPROFONDIMENTI IN FONDO ALL’ARTICOLO

Ormai da 21 anni, la Giornata Mondiale della Pasta vuole raccontare il piatto principe della dieta Mediterranea, mettendo al centro l’eccellenza italiana della pasta come simbolo del mangiar bene fatto di ricerca, emozione e creatività. Il mondo sembra innamorato della pasta, tanto che in 10 anni il suo consumo è quasi raddoppiato passando da 9 milioni a 15 milioni. L’Italia resta il punto di riferimento per questo alimento. Con oltre 3 milioni di tonnellate di pasta prodotte, l’Italia si conferma anche nel 2018 leader mondiale nel mercato della pasta, davanti ad Usa, Turchia e Brasile. Sono oltre 200 i paesi destinatari della nostra pasta: oggi circa 1 piatto di pasta su 4 nel mondo e tre su quattro in Europa sono prodotti con pasta italiana. Anche dal lato del consumo, la pasta resta un punto fermo nei menù della tavole italiane: ogni italiano ne consuma 23 Kg l’anno, con buon distacco sui consumatori di Tunisia (16 Kg), Venezuela (12 Kg) e Grecia (11,2 Kg).

Si tende a immaginare la pasta come un prodotto immutabile nel tempo, in realtà questo piatto ha accompagnato nel tempo il cambiamento negli stili di vita e rispetto al passato sono cambiate ricette, occasioni di consumo, formati e porzioni. La pasta ha saputo intercettare tendenze alimentari, culturali e sociali e allo stesso tempo si è evoluto il suo processo produttivo, con una crescente attenzione all’impatto ambientale e ai trend salutistici. Per questo l’attuale edizione della Giornata Mondiale della Pasta ha voluto riunire pastai ed esperi del food per provare a tracciare il futuro di questo alimento sempre attuale.

La storia. Da secoli si discute se la pasta sia stata introdotta nell’alimentazione quotidiana dai cinesi o dai siciliani. In effetti entrambe le culture l’hanno generata nei secoli, in modo quasi parallelo e indipendente, con ingredienti e tecniche differenti. Di certo in Italia la pasta era già conosciuta ai tempi degli etruschi, dei greci e dei romani. A Cerveteri, nella tomba della Grotta Bella, risalente ai un periodo tra il X e il IX secolo a.C. sono stati ritrovati dei rilievi che raffigurano gli strumenti ancora oggi in uso per la produzione casalinga della pasta, come spianatoia, matterello e rotella per tagliare.
Numerose sono anche le citazioni nel mondo greco e latino, dove vari autori classici, come Aristofane o Orazio, utilizzavano termini come làganon (greco) e laganum (latino) per indicare un impasto di acqua e farina, tirato e tagliato a strisce larghe, cotto in formo oppure in brodo o latte e condito per lo più con formaggio. Tuttavia, pur essendo una sorta di pasta, simile alle tagliatelle ma più corta e tozza, non aveva ancora un ruolo preciso nell’alimentazione se non quello di contorno, cioè un mero accompagnamento ad altre pietanze più comuni, come carne, pesce, uova.

È nel medioevo che la pasta comincia a diffondersi come categoria in sé, con nuovi formati, le prime botteghe di produzione un nuovo metodo di cottura, giunta fino ai giorni nostri, che consisteva nel bollire la pasta nell’acqua, nel brodo e talvolta nel latte. Agli Arabi, invece, dobbiamo l’invenzione della pasta secca che ben si conservava durante i loro spostamenti nel deserto e che permise di sviluppare gli scambi commerciali che partivano dal Sud Italia, in particolar modo dalla Sicilia, e dalla Liguria, dove il clima mite e temperato costituiva garanzia di perfetta essiccazione del prodotto. Il resto d’Italia, invece, per ragioni climatiche rimase legato alla produzione della pasta all’uovo, non essiccata e probabilmente nata dalla contaminazione con la “lagana” romana.

Ma la pasta, benché diffusa, non era ancora una pietanza di massa. Lo diventerà solo nel ‘600, quando una spaventosa carestia colpì il Regno di Napoli dominato dagli Spagnoli. Nella città partenopea, il sovraffollamento demografico e il fiscalismo spagnolo portarono la popolazione alla fame, i consumi di carne e di pane crollarono mentre la pasta divenne un alimento a basso costo, facilmente conservabile e in grado di saziare. Inoltre l’utilizzo del torchio permetteva di aumentare le quantità di pasta prodotta e diminuire i costi.

La pasta era solitamente condita solo con il formaggio, raramente con qualche carne o con delle spezie. L’accoppiamento con il pomodoro avviene solo all’inizio del 1800, in particolare quando nel 1837 viene pubblicata la ricetta “vermicelli con la pummadora” in un libro di cucina scritto da Ippolito Cavalcanti.
Dopo l’unificazione d’Italia la pasta diventerà il simbolo dell’italianità anche fuori dalla città di Napoli. A tal proposito va ricordato Pellegrino Artusi, padre della cucina italiana, che non si limitò a raccogliere ricette in giro per l’Italia riunendole nella più grande opera della cucina italiana, ma creò anche la tradizione. Egli infatti diede alla pasta un ruolo autonomo, come primo piatto del menù italiano e non più un semplice contorno come era stato fino ad allora.

LEGGI I NOSTRI APPROFONDIMENTI

World Pasta Day, ricette della tradizione e trucchi in cucina

World Pasta day, le regole sull’etichettatura

World Pasta Day, le tendenze dei prossimi 10 anni

World Pasta Day, tagliatelle fai da te in 1 famiglia su 3

TAGS
giornata mondiale pastamade in Italyoriginistoriaworld pasta day

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi