Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Notizie

I cambiamenti climatici colpiscono ancora

23.10.19

Oggi l’agricoltura può fare molto per arginare questa tendenza: la cura del territorio, la conservazione della biodiversità e la proposta di un modello alternativo all’industrializzazione del cibo sono tutti elementi utili alla lotta al cambiamento climatico e per il raggiungimento di una giustizia sociale

I cambiamenti climatici colpiscono ancora

Esiste una grande differenza tra meteorologia e climatologia. Mentre la prima si occupa di dare previsioni, il più possibile accurate, fino alle successive 72 ore, la climatologia studia come si modifica il clima nel corso della storia. Quindi conduce osservazioni del passato per fare dei modelli applicabili al futuro. È per questo motivo che affermare che sulla base di un evento, magari catastrofico, avvenuto negli ultimi anni il clima sta cambiando è quantomeno imprudente. Ciò che si osserva in questi anni è una certa insistenza di eventi estremi che oltre ad aumentare di numero, aumentano anche di intensità. Piogge torrenziali, freddo improvviso e fuori stagione, siccità prolungata sono, perciò, nel complesso la spia che ci deve far aprire gli occhi su quanto sta avvenendo sul pianeta.

Così le piogge di questi ultimi giorni nel Nord Ovest del nostro Paese sono solo una delle tante manifestazioni del cambiamento del clima. In passato è già avvenuto che in quelle aree si riversassero piogge intense e persistenti. È considerata infatti un’area a rischio idrogeologico per la presenza di numerosi corsi d’acqua. Il problema vero è che tali piogge diventano sempre più frequenti e sono alternante a periodi di siccità prolungata. Alcuni dati, tanto per capire meglio: nell’Alessandrino compreso tra Gavi, Novi Ligure, la Val Lemme, la Val Scrivia e in parte l’Ovadese in poco più di 12 ore è caduta la pioggia attesa in circa 6 mesi. Ad Arquata Scrivia nelle ultime 24 ore sono caduti 369 mm di pioggia, 486 a Gavi, valori superiori a quelli registrati nell’alluvione del 12-13 ottobre 2014, un evento simile a quello del 20 Ottobre come dinamica e zone colpite. Per Gavi si tratta del record di pioggia su 24 ore dall’inizio delle misure nel 1914.

È impressionante come l’energia accumulata dai mari per l’irraggiamento solare e il suo mancato rilascio nel cosmo, causato dall’incremento dell’effetto serra, si “scarichi” in potenti cicloni anche nel Mediterraneo.

E così nel tempo abbiamo assistito a eventi estremi un po’ in tutta Italia con la conta di danni materiali ingentissimi e purtroppo anche diversi morti.

Oggi l’agricoltura può fare molto per arginare questa tendenza: la cura del territorio, la conservazione della biodiversità e la proposta di un modello alternativo all’industrializzazione del cibo sono tutti elementi utili alla lotta al cambiamento climatico e per il raggiungimento di una giustizia sociale.

Sostenere gli agricoltori in vendita diretta può voler dire anche questo.

In conclusione ci teniamo a esprimere la nostra solidarietà a tutte le persone colpite dai disastri naturali pur sapendo che se non si cambierà registro, purtroppo, questi si verificheranno sempre più spesso.

TAGS
ambientebiodiversitàcambiamenti climaticinaturapiogge

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi