Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Notizie

Villaggio Bologna, record storico di Parmigiano all’estero

28.09.19

A guidare la classifica è la Germania davanti a Francia (+11%) e Regno Unito (+15%), ma il tipico prodotto Made in Italy spopola anche nei paesi del formaggio coi buchi, come la Svizzera (+17%) o l’Olanda

Villaggio Bologna, record storico di Parmigiano all'estero

GUARDA IL PROGRAMMA COMPLETO SU VILLAGGIO.COLDIRETTI.IT

Mai così tanto Parmigiano Reggiano e Grana Padano sono stati consumati all’estero con l’Italia che festeggia il record storico nelle esportazioni in crescita del 16% in valore nel primo semestre del 2019, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. È quanto emerge da un’analisi della Coldiretti in occasione del Parmigiano Day al Villaggio contadino di Bologna dove contro il pericolo dei dazi alle esportazioni negli Stati Uniti per la prima volta è sceso in piazza il popolo del Parmigiano Reggiano con decine di migliaia di allevatori, stagionatori e casari per preparare le forme con gli strumenti storici e gli antichi rituali dal latte ottenuto da una vera e propria stalla di vacche rosse, la prima razza che ha fatto nascere il formaggio italiano più imitato.

A guidare in Europa la classifica degli appassionati di Parmigiano e Grana è la Germania, dove peraltro il valore delle esportazioni è cresciuto del 19%, davanti a Francia (+11%) e Regno Unito (+15%), ma il tipico prodotto Made in Italy spopola anche nei paesi del formaggio coi buchi, come la Svizzera (+17%) o l’Olanda (+10%).

Fuori dall’Europa sono gli Stati Uniti il principale mercato grazie anche a una crescita record del 26% nel primo semestre così come in Giappone dove le vendite sono aumentate del 21%, percentuale che sale addirittura al +36% nel caso della Cina, seppur con valori ancora limitati.

Unica eccezione, il Canada, dove l’approvazione del trattato di libero scambio Ceta rileva con l’Europa ha di fatto affossato le esportazioni di Parmigiano e Grana, crollate del 19% nella prima metà del 2019 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Sul record delle esportazioni pesa il rischio dei dazi con la decisione del Wto di approvare la richiesta degli Stati Uniti di imporre tariffe su alcuni beni europei nell’ultimo capitolo di una disputa bilaterale sui sussidi agli aeromobili. Dopo che il Wto ha informalmente notificato a Ue e Usa una bozza di decisione che darebbe il via libera agli Stati Uniti all’imposizione di dazi su prodotti europei, la Commissione Europea ha presentato le opportune controdeduzioni. Secondo indiscrezioni, a fronte di una lista Usa di prodotti da sottoporre a dazio per un valore totale di 21 miliardi di dollari, la sentenza del Wto potrebbe “autorizzare” il 30 settembre dazi per un importo compreso tra 5 e 10 miliardi di dollari.

Secondo la black list ufficiale pubblicata sul Registro Federale Usa, a pagare il conto più salato per il Belpaese potrebbe essere il Made in Italy agroalimentare proprio a partire dai formaggi, oltre a vini, salumi, pasta, olio extravergine di oliva, agrumi, olive, uva, marmellate, succhi di frutta, pesche e pere in scatola, acqua, superalcolici e caffè.

Si tratta della prima sfida che dovrà affrontare la nuova Commissione Europea guidata dalla tedesca Ursula von der Leyen che dovrà gestire i complessi rapporti con lo storico alleato”, ha affermato il Presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel sottolineare la necessità di “evitare uno scontro dagli scenari inediti e preoccupanti che rischia di determinare un pericoloso effetto valanga sull’economia e sulle relazioni tra le due sponde dell’Atlantico”.

TAGS
grana padanomade in Italymercato contadinoparmigianoVillaggio Coldiretti Bologna

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi