Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Notizie

Mare e stock ittici limitati

17.07.19

Un elemento di forte stress insieme al riscaldamento globale è l’overfishing. La pesca incontrollata rende più vulnerabili le riserve ittiche alle conseguenze del clima, amplificando l’effetto del riscaldamento delle acque sulla fauna ittica

Mare e stock ittici limitati

Il cambiamento climatico è un fenomeno allarmante e impellente. Sempre di più si sentono allarmi internazionali, studi e ricerche scientifiche con prospettive disastrose e si vedono già i suoi effetti: scioglimenti dei ghiacciai, violenti fenomeni atmosferici, desertificazione e siccità…

E il mare? Poco si sente parlare delle conseguenze del riscaldamento globale sul mare e sulle risorse ittiche. Secondo lo studio “Impacts of historical warming on marine fisheries production” pubblicato dalla rivista Science è stato dimostrato come il riscaldamento globale e l’aumento dell’emissione di CO2 causano alterazioni sulle migrazioni ittiche, lasciando i pesci disorientati. Inoltre, sempre il medesimo studio dimostra come bisognerebbe ridurre drasticamente la pesca per preservare le riserve ittiche, in quanto gli effetti del cambiamento climatico sta drasticamente facendo diminuire la quantità di creature marine pescabili. Di fatto i pesci sono animali a sangue freddo che rispecchiano la temperatura dell’acqua in cui nuotano; nel momento in cui la temperatura dell’acqua venga percepita troppo calda, alcune funzionalità ne risentono, compromettendo crescita e riproduzione, oltre al fatto che l’acqua più calda contiene meno ossigeno. Al 2010 si è registrata circa una diminuzione globale del 4,1% del rendimento massimo sostenibile rispetto alla quantità di pesce pescabile senza danneggiare lo stock. Questa percentuale corrisponde a una diminuzione di circa 1,4 milioni di tonnellate di pescato ottenibili in modo sostenibile. In alcune regioni del mondo come nel Mare Cinese Orientale e nel Mare del Nord l’aumento delle temperature marine ha ridotto la produttività della pesca dal 15% al 35%. Ovviamente bisogna sottolinea che gli stock ittici maggiormente colpiti dall’aumento della temperatura sono stati quelli colpiti anche dall’overfishing e quindi pesantemente sfruttati. Questi dati rendono evidente l’impatto economico, oltre a quello ambientale, prodotto dai cambiamenti climatici, considerando anche il dato che circa 56 milioni di persone traggono sussistenza dall’industria ittica.

Come accennato sopra, un altro elemento di forte stress per le riserve ittiche insieme al riscaldamento globale, è l’overfishing. La pesca sconsiderata e incontrollata rende queste riserve ancora più vulnerabili alle conseguenze del clima stesso, amplificando drasticamente l’effetto del riscaldamento delle acque sui pesci.

Per quel che riguarda la pesca in Italia, secondo i dati Coldiretti, sulle nostre coste sono presenti circa 12mila imbarcazioni che attualmente sono in forte riduzione anche a causa della concorrenza del pesce importato dall’estero. Diventa necessario quindi sostenere e proteggere i piccoli pescatori, promotori di una pesca sostenibile che protegge il Mediterraneo e le sue specie. E Fondazione Campagna Amica, attraverso la vendita diretta del pesce pescato lungo la costa italiana, cerca di proteggere, sostenere e promuovere proprio questo tipo di pesca, in quanto attività più resilienti rispetto all’aumento della temperatura e più rispettose della biodiversità marina e dei suoi ecosistemi. E ruolo di ogni cittadino e consumatore consapevole è conoscere lo stato delle nostre acque e delle sue riserve ittiche, acquistando anche pesce considerato “povero”, ma offerto dai nostri mari: caso simbolico è quello del totano, fratello povero del calamaro, ma buono, gustoso e a miglio zero. Lo discorso potrebbe essere ripetuto per molte altre specie che molto spesso vengono ritenute di seconda categoria, ma che in realtà necessitano unicamente di essere più valorizzate.

TAGS
ambientecambiamenti climaticimarepescapescato

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi