Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Notizie

Italiani disposti a pagare di più per cibi che tutelano il lavoro

11.07.19

Tre consumatori su quattro non vogliono essere indirettamente complici dello sfruttamento della manodopera nei campi. Chi compra nei mercati di Campagna Amica è garantito da un sistema di controlli che coprono tutte le fasi della produzione

Italiani disposti a pagare di più per cibi che tutelano il lavoro

Gli italiani sono sempre più attenti alle garanzie per i lavoratori, anche quando comprano il cibo: la maggior parte è perfino pronta a spendere di più pur di non alimentare lo sfruttamento sui campi. È quanto emerge da un sondaggio di Oxfam e secondo cui 3 consumatori su 4 (il 74,41%) sono disposti ad acquistare alimenti prodotti senza sfruttamento dei lavoratori, indipendentemente dal prezzo, mentre solo per il 21,8% il fattore prezzo rimane determinante per compiere la scelta.

Inoltre, nonostante il 51,67% degli intervistati si senta mediamente informata rispetto al tema dello sfruttamento nelle filiere agricole, alcuni dichiarano di non avere adeguate informazioni per poter riconoscere sugli scaffali dei supermercati i prodotti che assicurano un’equa redistribuzione del valore tra tutti gli attori della filiera. Senza informazioni ed elementi che garantiscano la piena trasparenza sul rispetto dei diritti umani nelle filiere, i consumatori non possono fare le scelte responsabili che dichiarano di voler compiere.

Quello dello sfruttamento del lavoro nei campi è percepito come un fenomeno complesso, non riconducendolo al ruolo di un singolo attore della filiera, ma piuttosto ad un concatenarsi di cause ed effetti. Per il 63,34% degli intervistati l’infiltrazione mafiosa è la principale causa che condiziona un sistema diffuso di sfruttamento nelle campagne italiane. Dall’indagine emergono inoltre azioni che, secondo gli intervistati, le aziende della Grande distribuzione organizzata potrebbero intraprendere da subito per porre fine allo sfruttamento del lavoro agricolo e alla violazione dei diritti lungo le filiere di produzione: garantire che i prodotti a scaffale siano liberi da sfruttamento e aumentarne l’offerta per consentire pratiche di acquisto responsabile; aumentare la trasparenza delle informazioni sull’origine e il percorso che un prodotto compie dal campo allo scaffale; garantire ai produttori un costo all’origine dignitoso che garantisca una remunerazione equa dei fattori di produzione.

Molte di queste garanzie ci sono già per chi frequenta i mercati in filiera corta della rete di Campagna Amica, dove le aziende per poterne far parte, si sottopongono a rigidi controlli anche da parte di enti terzi che garantiscono tutte le fasi della produzione e sono in grado di tracciare i prodotti dall’origine fino alla vendita. Inoltre, comprare direttamente dagli agricoltori permette loro di vedere giustamente remunerato il proprio lavoro, senza le inevitabili distorsioni che si generano all’aumentare dei passaggi della commercializzazione.

TAGS
ciboconsumicontrollieticagaranziakm zerolavoromanodoperamercatisfruttamento

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi