Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Notizie

Il caldo e le sue conseguenze

26.06.19

Sostenere gli agricoltori che, tramite il loro lavoro e affrontando le tante difficoltà legate al clima, continuano a produrre cibi che proteggono gli ecosistemi: un motivo in più per acquistare nella rete di mercati locali di Campagna Amica

Il caldo e le sue conseguenze

Caldo, afa, siccità sono alcuni effetti del cambiamento climatico che stiamo già vivendo sulla nostra pelle. E l’inversione di marcia per frenare i suoi effetti sembra essere inadeguata. Secondo un recente studio della rivista Nature Communications, nei prossimi trent’anni si avrà un aumento dell’energia elettrica che oscillerà dal 25 al 58% legata al riscaldamento globale. Percentuale che si somma a quello previsto per la crescita della popolazione e dell’economia, traducendosi così in conseguenze concrete su salute e ambiente. Sempre secondo lo studio, i maggior cambiamenti saranno proprio quelli legati all’utilizzo di elettricità per il condizionamento dell’aria, soprattutto nell’industria e nei servizi pubblici; le regioni maggiormente colpite saranno i tropici e il sud degli Stati Uniti, dell’Europa e della Cina.

Ci troviamo di  fronte ad una crisi climatica, ambientale e umanitaria. Oltre alle conseguenze che l’aumento dell’energia elettrica avrà sulla sostenibilità ambientale, bisogna considerare altri due fattori: da un lato l’accesso effettivo che hanno intere comunità nel mondo per soddisfare il proprio fabbisogno elettrico, dall’altro la capacità economica di sostenere le future spese che deriveranno dall’aumento dell’uso dell’energia elettrica.

È ovvio come l’entità della domanda energetica sia strettamente connesso alle emissioni globali di gas serra. Ed è proprio di pochi mesi fa il dato allarmante lanciato dall’osservatorio dello Scripps Institution of Oceanography, secondo cui era stato rilevato un valore di CO2 nell’atmosfera pari a 415 parti per milione (ppm) causato dai combustibili fossili, riferendo inoltre che un livello così alto non si era mai registrato nella storia. Tutto ciò delinea un quadro molto critico: secondo il relatore speciale dell’Onu sull’estrema povertà e i diritti umani, Philip Alston, il cambiamento climatico sta annullando gli ultimi 50 anni di progressi avuti sulla salute e nel contrasto alla povertà, prospettando la possibilità di avere entro il 2030, 120 milioni di persone in più nello stato di povertà. I cambiamenti climatici rischiano infatti di accentuare una potenziale penuria di cibo e conflittualità, che peserà sui paesi in via di sviluppo. Questi soffriranno almeno il 75% dei costi dei cambiamenti climatici, nonostante la popolazione povera produca solo il 10% delle emissioni di CO2.

I passi avanti sono pochi e lenti, come dimostra il recente fallimento dell’Europa sull’accordo delle emissioni zero entro il 2050. La situazione è preoccupante e l’Italia sarà una delle dirette interessate di questi fenomeni a catena, risentendone in primis il settore agricolo.  La nostra preoccupazione in quanto Fondazione Campagna Amica è rivolta infatti a tutti gli agricoltori che tramite il loro lavoro di custodi dell’ambiente e della biodiversità cercano di salvaguardare la natura attraverso il rispetto che pongono nella lavorazione della terra e di arginare gli effetti del cambiamento climatico. E come cittadini è necessario sostenere questi “eroi” che, tramite il loro lavoro e affrontando le tante difficoltà quotidiane, continuano a produrre cibi che proteggono gli ecosistemi; anche per questo è importante acquistare nella rete di mercati locali di Campagna Amica, per conoscere, supportare e lottare insieme agli agricoltori contro il cambiamento climatico.

TAGS
agricolturaambientecaldoclimagreen

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi