Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Agricoltura sociale

Ortoterapia: quando la natura riabilita l’uomo

15.05.19

Migliorare la qualità della vita vuol dire migliorare anche l’autostima, lo stato di salute, ma anche il benessere psicologico, fisico e sociale delle persone. Queste attività sono indicate per individui affetti da disabilità fisiche e psichiche, da disagio sociale e marginalità, ma anche per malati di Alzheimer o per chi soffre di ansia e depressione

Ortoterapia: quando la natura riabilita l’uomo

L’ortoterapia – dall’inglese Horticultural Therapy – può contribuire a migliorare la qualità della vita delle persone che la praticano, attraverso il contatto diretto con la natura.

La “nascita” delle attività ortoterapeutiche risale al 1600 circa quando, in un ospedale dell’Inghilterra, venne chiesto ad alcuni pazienti, che non potevano permettersi di sostenere le spese per le cure mediche, di curare il giardino dell’ospedale; i risultati furono inaspettati. Infatti, questi pazienti guarirono meglio – e in minor tempo – rispetto a quelli che ricevevano più cure da parte dei medici. Questo “fenomeno” non ebbe grande rilevanza all’epoca, ma venne riscoperto al termine della Seconda guerra mondiale: alcuni reduci di guerra vennero sottoposti ad attività ortoterapeutiche e in breve tempo riacquistarono salute, capacità motorie e una migliore salute mentale.

L’interesse verso queste esperienze è crescente, tuttavia manca ancora un riconoscimento ufficiale di queste discipline e dei percorsi di formazione specifici. Sebbene in Italia esistano corsi di specializzazione presso scuole tecniche e università alle quali, sulla base di esperienze pluriennali, vengono riconosciute competenze specifiche.

L’ortoterapia prevede azioni sinergiche svolte da diverse figure professionali specializzate in diversi campi; psicologi e psichiatri, il cui compito è quello di impostare la terapia e trasferire le informazioni sulle patologie agli operatori sanitari che, nella pratica, organizzano e gestiscono le attività terapeutiche o co-terapeutiche, agronomi, giardinieri o gli stessi imprenditori agricoli che guidano le attività in campo, individuano l’area di lavoro, trasferiscono le nozioni sulle attività da svolgere (semina, trapianto, raccolta e lavorazioni del terreno) al fine di garantire il “successo” delle attività co-terapeutiche e, quindi, il benessere di chi le pratica.

I benefici dell’ortoterapia sono molteplici, e interessano:

  • la sfera cognitiva: attraverso il riconoscimento del nome delle piante e/o degli attrezzi da lavoro, che aumentano la capacità di apprendimento e stimolano la memoria e la concentrazione; ma anche l’attitudine a ricordare la giusta sequenza delle attività da svolgere;
  • la sfera affettiva: in quanto le attività svolte in mezzo al verde e, soprattutto, all’aria aperta infondono un senso di rilassamento e di quiete, riducendo così l’ansia;
  • la sfera fisica: in cui rientrano le attività di semina, la cura delle piante e la raccolta dei frutti, che stimolano i movimenti, la coordinazione degli occhi e delle mani, contribuendo a sviluppare la propria psicomotricità;
  • la sfera emotiva: dove il contatto con la terra e con la natura riducono lo stress, eventuali comportamenti aggressivi, l’affaticamento mentale e la depressione;
  • la socializzazione: attraverso attività di gruppo si migliora il senso di responsabilità nelle persone: sia nei confronti delle piante che degli altri componenti del gruppo, per raggiungere insieme un determinato obiettivo.

Le attività di ortoterapia contribuiscono anche a sviluppare la pazienza: riconoscere e attendere le varie fasi di crescita delle piante e/o delle colture per la raccolta dei prodotti o, più semplicemente, per godere della bellezza di un fiore o di una pianta.

Le attività, se caratterizzate da un processo con una dimensione produttiva, rientrano tra le attività di agricoltura sociale nell’ambito delle prestazioni e servizi co-terapeutici attraverso l’ausilio di animali e la coltivazione delle piante (ai sensi dell’art. 2 della legge quadro n.141/2015).

Nel 1699 Leonard Maeger, giardiniere e scrittore, sull’English Gardener scrisse che “dedicare del tempo alla cura del giardino, zappando, seminando, togliendo le erbe infestanti è il miglior modo per conservare la propria salute”.

Cerca le aziende di agricoltura sociale della rete di Campagna Amica attraverso la funzione di ricerca del portale della Fondazione Campagna Amica.

TAGS
agricoltura socialedisabilitàinclusioneortoterapia

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi