Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Cibi e ricette

Risotto alla milanese, la ricetta tradizionale

09.05.19

Un piatto nato forse per ripicca o semplicemente per scherzo in occasione di un matrimonio nel lontano 1574 è diventato un classico della cucina lombarda. Ecco come cucinarlo insieme ai nostri Agrichef, magari accompagnandolo a un gustoso ossobuco

Risotto alla milanese, la ricetta tradizionale

Se la primavera tarda ad arrivare, cosa c’è di meglio di un bel risotto per riscaldarsi e stare in famiglia? Ecco la ricetta tradizionale della nostra Agrichef lombarda Tiziana Portieri dell’Agriturismo Roccolo a Bedizzole (Brescia).


Tempo di preparazione:
20 minuti

Tempo di cottura: 20 minuti

 

Ingredienti e dosi per 4 persone 

300 g riso Carnaroli

1 scalogno

1 bicchiere di vino bianco fermo

2 bustine di zafferano o 0,5 g di zafferano in pistilli

Olio extravergine di oliva

150 g burro di malga

200 g Grana Padano

50 g midollo

2 lt brodo di carne di vitello

 

Storia e origini del Risotto alla Milanese

L’origine del Risotto alla Milanese non è del tutto certa, ma quella che gode di maggior credito, stando a un manoscritto rinvenuto alla Biblioteca Trivulziana, lega la nascita del piatto meneghino al Duomo di Milano. Siamo a Milano nel 1574 e il maestro Valerio di Fiandra, fiammingo di Lovania, è impegnato nella realizzazione delle spettacolari vetrate della Cattedrale. Al suo fianco lavora un aiutante di nome Zafferano. Il motivo di questo curioso soprannome è l’abitudine del garzone di aggiungere sempre una punta della pregiata spezia ai colori per ottenere un effetto più brillante. Per prendere in giro questo vezzo, un giorno il Maestro dice al giovane assistente che continuando così avrebbe finito per mettere lo zafferano persino nei piatti. Zafferano coglie al volo la provocazione e per scherzo o piccola ripicca, l’8 settembre 1574, in occasione delle nozze della figlia del Maestro Valerio, Zafferano chiede al cuoco una variazione nel menu nuziale: aggiungere al riso, condito come di consueto con semplice burro, anche un generoso pizzico della spezia dorata. I commensali, con grande stupore di tutti, gradirono sia l’inedito gusto del piatto che il suo colore giallo oro, sinonimo di ricchezza e allegria.

Preparazione

Scaldare l’olio in una casseruola e farvi rosolare lo scalogno tagliato a metà. Togliere lo scalogno rosolato, aggiungere il riso Carnaroli e tostarlo un paio di minuti fino a quando risulterà traslucido. Iniziare a cuocere il riso aggiungendo il brodo un po’ per volta. Unire lo zafferano e continuare la cottura per circa 15 minuti.

Mantecare fuori dal fuoco, con il midollo a pezzettini, che si scioglierà subito, il burro ben freddo e il Grana Padano. Decorare il piatto con qualche pistillo di zafferano e servire.

Consigli

Il risotto alla Milanese può essere abbinato ad un altro piatto della tradizione lombarda: l’Ossobuco.

 

Ingredienti

4 ossobuchi (alti almeno 4 cm e tagliati al centro del girello di vitello perché ci sia la giusta dose di midollo)

60 g di burro

2 cipolle novelle

1 piccola carota

farina di riso

1 dl di vino bianco secco

brodo di manzo e/o vitello fatto con le ossa

pepe bianco

1 grosso spicchio d’aglio

la scorza di un limone non trattato

1 ciuffo di prezzemolo

sale

 

Preparazione

Incidere i nervi degli ossobuchi per non farli arricciare in cottura. Mettere in un tegame le cipolle tritate fini con il burro e farle appassire lentamente. Toglierle dal tegame con un cucchiaio forato e tenerle da parte. Appoggiare sul fondo di cottura gli ossobuchi infarinati e farli colorire su tutti i lati e sulla fascia esterna. Rimettere nel tegame la cipolla e bagnare col vino. Abbassare il fuoco al minimo e lasciare evaporare. Bagnare col brodo, pepare e salare. Coprire e lasciar cuocere piano piano voltando la carne di tanto in tanto e aggiungendo altro brodo se tende ad asciugare. Cuocere finché la carne non tende a staccarsi dall’osso. Nel frattempo tritare aglio, prezzemolo e scorza di limone, una gremolada da aggiungere a fine cottura al sugo dell’ossobuco per esaltarne il sapore.

 

TAGS
agrichefagriturismomilanesericettarisottotradizione

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi