Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Notizie

Speciale foreste e boschi – Il loro valore nel mondo

21.03.19

Svolgono ruoli cruciali anche nella fornitura di acqua potabile, nelle energie rinnovabili, nella sicurezza alimentare, nelle economie rurali. Per questo la FAO sostiene debbano essere incorporati nelle strategie per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile

Speciale foreste e boschi - Il loro valore nel mondo

Il Rapporto della FAO sullo Stato delle Foreste nel Mondo (SOFO 2018) conferma l’urgenza di fermare la deforestazione, di gestire boschi le foreste in modo sostenibile e di incrementare la copertura di alberi in tutto il mondo. La deforestazione, infatti, è la seconda causa dei cambiamenti climatici, dopo l’uso dei combustibili fossili. Perdere le aree boschive significa perdere dei “polmoni” che alimentano e purificano l’atmosfera, controbilanciando i danni prodotti dalle attività antropiche.

Il valore dei boschi e delle foreste va molto oltre la produzione di legname: svolgono ruoli cruciali anche nella fornitura di acqua potabile, nelle energie rinnovabili, nella sicurezza alimentare, nelle economie rurali. Per questo la FAO sostiene che boschi e foreste devono essere incorporati nelle strategie per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile definiti nell’agenda 2030.

L’effetto delle foreste sull’acqua è spiegato dalla loro capacità di raccogliere e depurare le risorse idriche, rendendole potabili e adatte al consumo umano. Grandi città come Vienna, Tokyo, Johannesburg e Bogotá ottengono una quantità notevole di acqua potabile dalle foreste protette e negli Stati Uniti d’America 180 milioni di persone dipendono dalle foreste per il loro fabbisogno di acqua potabile. A questo proposito, il rapporto FAO rileva che, a fronte di una perdita significativa di copertura arborea da parte dei maggiori bacini idrografici del mondo, con conseguente maggior rischio di erosione, sono aumentate negli ultimi 25 anni le aree forestali gestite per la conservazione del suolo e dell’acqua.

Per quel che riguarda la produzione di energia, le foreste contengono l’equivalente di 142 miliardi di tonnellate di petrolio, circa 10 volte il consumo annuo globale di energia primaria. Il combustibile legnoso rappresenta la maggior parte delle forniture di energia rinnovabile al mondo combinate con energia solare, idroelettrica ed eolica e oltre la metà del fabbisogno nazionale di approvvigionamento di energia primaria per 29 paesi, la maggior parte nell’Africa sub-sahariana.

La FAO pone anche l’attenzione su quei beni diversi dal legno di origine biologica, vegetale ed animale, naturali ed artificiali, che provengono da foreste, terreni boscati o singoli alberi e che ne costituiscono un ulteriore valore aggiunto. Parliamo ad esempio di frutta, funghi, erbe, piante aromatiche, selvaggina, piantagioni, fibre, resine, gomme, piante e prodotti di origine animale utilizzati per scopi medicinali, cosmetici o culturali.

Nel mondo una persona su cinque conta su prodotti di questo tipo per cibo, reddito e diversità nutrizionale. Ciò è particolarmente vero per circa 250 milioni di persone, per lo più in Africa e in Asia. Un gran numero di famiglie in aree tropicali raccolgono alimenti forestali per il proprio consumo molto più di quanto producano dall’agricoltura o allevando il bestiame. E anche nella più ricca Europa, una persona su quattro raccoglie cibo, come frutta e bacche, direttamente dalle foreste e il 90% delle persone acquista questi prodotti. A livello globale, le entrate generate da prodotti forestali non legnosi ammontano a 88 milioni di dollari, ma la cifra è probabilmente molto più alta. Si stima anche che il settore ogni anno produca oltre 45 milioni di posti di lavoro e 580 milioni di dollari di reddito da lavoro.

Infine, le foreste sono indispensabili per il terreno e, se ben integrate con il settore agricolo, ne possono aumentare la produttività e proteggere la biodiversità.

Le foreste infatti ospitano più della metà delle specie terrestri di animali, piante e insetti, contribuiscono a conservare genotipi e a mantenere la composizione di specie arboree naturali fornendo habitat vitali a specie in pericolo. Attualmente la superficie forestale designata alla conservazione della biodiversità rappresenta il 13% delle foreste nel mondo, vale a dire 524 milioni di ettari, con le aree più grandi in Brasile e negli Stati Uniti.

Anche se c’è ancora molto da fare e la superficie boschiva continua a diminuire di giorno in giorno, il rapporto FAO mostra numerosi esempi che indicano una crescente consapevolezza e un graduale aumento delle pratiche sostenibili nella gestione delle foreste e dei boschi nel mondo. Almeno 120 Paesi si sono impegnati ad attenuare gli effetti dei cambiamenti climatici agendo proprio sulla difesa delle foreste. Il Rapporto FAO inserisce la Toscana e il suo Piano di Indirizzo Territoriale tra i casi studio delle iniziative da analizzare e replicare. L’importanza che la regione Toscana ha dato alle foreste non è legata solo a motivi di estensione territoriale (52% del territorio) o economici, ma nasce dal valore paesaggistico delle foreste che è legato non solo alla biodiversità e alla protezione dal rischio idrogeologico, ma anche agli aspetti culturali e alla forte attrattiva per il turismo. La FAO quindi riconosce alla Regione Toscana di aver creato con il Piano Paesaggistico una visione che integra gli obiettivi economici, sociali e ambientali alla pianificazione del territorio, mirando alla valorizzazione del patrimonio rurale tradizionale, elemento essenziale per la crescita economica sia grazie al turismo che attraverso la produzione di cibo di qualità.

 

FONTI

FAO (2018) – The State of the World’s Forest 2018

 

LEGGI GLI APPROFONDIMENTI

Speciale foreste e boschi – Un patrimonio da salvaguardare

Speciale foreste e boschi – La situazione in Italia

Speciale foreste e boschi – Impariamo ad amare gli alberi

Speciale foreste e boschi – Dieci motivi per piantare un albero

TAGS
biodiversitàenergiaGiornata internazionale delle foreste e dei boschipatrimonioproduzionesalvaguardia

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi