Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Agricoltura sociale

Il filo invisibile fra biodiversità e agricoltura sociale

13.03.19

Insieme contribuiscono a produrre cibo con garanzie di futuro. Chi pratica l’agricoltura sociale realizza attività più diversificate, meno meccanizzate, che in molti casi prevedono l’accoglienza di nuove persone in azienda

Il filo invisibile fra biodiversità e agricoltura sociale

Quando parliamo di biodiversità, intendiamo la varietà della vita animale e vegetale nel mondo. Una ricca diversità di specie, di habitat e di risorse genetiche significa ecosistemi più sani, più produttivi e più capaci di adattarsi alle sfide, come per esempio il cambiamento climatico. Ci sono persone con i capelli ricci e persone con i capelli lisci. Persone alte e persone basse. Persone più chiare e persone più scure. Proprio come negli esseri umani, anche le piante e gli animali hanno delle differenze, che possiamo cogliere oppure non percepire a prima vista. Una varietà di frumento, per esempio, è più resistente al freddo di un’altra. Un’altra varietà sarà più resistente al caldo o ad alcune malattie. Una razza animale può resistere a condizioni sfavorevoli laddove un’altra razza non ci riuscirebbe. Tutto questo accade grazie alla diversità, alle differenze presenti nel patrimonio genetico. La perdita di varietà vegetali e razze animali oltre a ridurre le capacità di adattamento di una specie, può cambiare un intero ecosistema, alterandone per sempre le connessioni esistenti. La diversità è, dunque, il fondamento, la materia prima dell’agricoltura, ciò che consente “l’evoluzione” dei nostri raccolti agricoli. Tuttavia, oggi abbiamo un enorme problema di perdita di biodiversità, ma in pochi se ne accorgono. Vediamo mele rosse, gialle, verdi e questo è tutto. Ma, per esempio, nel 1800 negli USA si coltivavano 7.100 varietà di mele, ciascuna con un proprio nome. Oggi, 6.800 di queste sono estinte e non le vedremo mai più.

Dal censimento dei prodotti della biodiversità realizzati nelle aziende di Campagna Amica risulta che la tutela e il recupero della biodiversità spesso caratterizza le attività di agricoltura sociale (il 10% degli agricoltori “custodi” di varietà e razze antiche e in via di estinzione è impegnato in attività di agricoltura sociale). Le aziende di agricoltura sociale sono, dunque, anche luoghi di conservazione della biodiversità. Ma perché in agricoltura sociale si tutela la biodiversità? Certamente perché per molte aziende agricole ciò che si coltiva rappresenta la tradizione del luogo, perché nella fattoria si è sempre fatto cosi. Ma anche perché l’azienda che pratica l’agricoltura sociale realizza generalmente attività più diversificate, meno meccanizzate, che in molti casi prevedono anche l’accoglienza di nuove e più persone in azienda.

In queste aziende si riscontra un innalzamento delle attenzioni nei confronti di pratiche che hanno un maggiore contenuto in termini di risorse collettive (la cura del paesaggio, la salvaguardia dell’ambiente, la gestione della biodiversità, l’aumento del benessere sociale). La meccanizzazione o l’input chimico in molti casi non sono utilizzati o sono ridotti al minimo (perché troppo rischiosi, o perché non utili da un punto di vista terapeutico) e, perciò, si torna a tecniche colturali basate su maggior manodopera, che ben si prestano per la coltivazione e l’allevamento di varietà e razze antiche (autoctone o adattate). Caso esemplificativo è il diserbo delle aree ortive, tipica attività effettuata spesso in modo manuale in agricoltura sociale, che permette di svolgere attività all’aperto, socializzazione, recupero del “senso del tempo”, fisioterapia nella natura, sviluppo della sfera sensoriale. Sono attività che permettono una relazione ancora più stretta con le piante e gli animali, che svolgono un ruolo fondamentale nei percorsi terapeutici (ortoterapia, ippoterapia, onoterapia) e di reinserimento o inclusione, propri dell’agricoltura sociale. Varietà dimenticate e razze in estinzione dunque aggiungono valore all’attività sociale in azienda. La parola “differenza” non è più un concetto aleatorio ma diviene oggetto di produzione nonché espressione dei lavoratori. Inoltre la riscoperta di sapori, colori e odori consentono percorsi variegati e davvero significativi secondo le esigenze della persona. La diversità è quindi un valore sia in termini ambientali sia umani. Sta a tutti noi lottare contro ogni forma di omologazione. Scegliamo prodotti territoriali acquistati in filiera corta, scegliamo i servizi offerti da aziende agricole impegnate nel sociale.

Cerca le aziende di agricoltura sociale della rete di Campagna Amica attraverso la funzione di ricerca del portale della Fondazione Campagna Amica e nei mercati di Campagna Amica della tua città: chiedi ai nostri agricoltori di raccontarti la storia dei loro singolari prodotti. Consulta “I Sigilli di Campagna Amica”, l’atlante della biodiversità contadina.

TAGS
agricolturaagricoltura socialeambientebiodiversitàfuturogreensosstenibilità

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi