Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
I consigli del nutrizionista

Latte, tutto quel che c’è da sapere

19.02.19

Un alimento naturale che fa bene a tutti. Segui i consigli del nutrizionista per restare in salute

Latte, tutto quel che c'è da sapere

Negli ultimi mesi accanto alla parola “latte” se ne sentono di tutti i colori, senza una prova scientifica.  Il latte fa bene ed è salutare per tutti.

Quanto berne ogni giorno? Meglio intero o scremato o parzialmente scremato, pastorizzato, UHT, fresco o a lunga conservazione? La nuova piramide della Dieta Mediterranea suggerisce da una a tre porzioni al giorno di latte e derivati a basso contenuto di grassi. Considerando che una porzione di latte o yogurt equivale a 125 ml e una di formaggio fresco a 100 g, dopo una tazza di latte da 250 ml durante la giornata è bene ancora consumare una porzione di yogurt o di formaggio fresco.

Che differenza c’è tra il latte vaccino e quello di bufale, pecore, capre, cavalle e asine? La differenza sta nella composizione. Il latte d’asina, per esempio, è quello che si avvicina di più per contenuto in proteine al latte umano, 1,5 g per 100 ml contro 0,9 g. Il latte degli altri animali ha un contenuto proteico più elevato, 3,6 g quello vaccino. Il più zuccherino dopo quello umano, che ha 7,2 g di lattosio per 100 g, è quello di asina con 6,2 g di lattosio per 100 g, mentre dal punto di vista dei grassi il latte intero che ne contiene di più è quello di bufala e di capra con 7.5 g su 100 g.  Che differenza c’è tra una ricotta realizzata con latte di mucca rispetto a una prodotta con latte di pecora? Quella di pecora è mediamente più grassa, ma, grazie alla dimensione minore delle particelle di grasso rispetto a quelle di latte vaccino, può risultare più digeribile.

È meglio bere il latte intero o scremato o parzialmente scremato, pastorizzato, UHT, fresco o a lunga conservazione? Come sceglierlo? A seconda delle esigenze, per esempio di ogni quanto si fa la spesa e delle caratteristiche personali: per i bambini può essere più utile quello intero perché più ricco in vitamina D, per gli adulti con un’alimentazione varia quello parzialmente o totalmente scremato per ridurre l’assunzione di grassi animali.

Che differenza c’è tra latte confezionato e latte crudo? Il latte crudo viene venduto immediatamente dopo la mungitura e non subisce trattamenti. È necessario, quindi, consumarlo entro tre giorni e tassativamente dopo bollitura per scongiurare il rischio di infezioni e contaminazione microbica. Il latte confezionato può subire diverse procedure tra cui la più semplice, quella del latte fresco, è la pastorizzazione che consiste nel sottoporre il latte crudo per 15-30 secondi a temperature comprese tra i 63 e gli 80°C.

Il latte è davvero ricco di calcio e previene l’osteoporosi o è una bufala? Il latte è ricco di calcio e aiuta a prevenire l’osteoporosi. Non dimentichiamoci, però, che l’osteoporosi è una condizione che può insorgere da molteplici cause tra cui oltre a quelle nutrizionali vi sono anche quelle metaboliche e patologiche.

A cura di Giorgio e Caterina Calabrese

TAGS
dieta mediterraneaformaggiolattenutrizionistayogurt

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi