Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Il cibo giusto

Cece, il legume che ingannava il diavolo

19.02.19

È stata una delle prime piante ad essere domesticata. Si adatta perfettamente a terre povere, aride e sassose, senza ristagni d’acqua né concimati eccessivamente

Cece, il legume che ingannava il diavolo

Il cece (Cicer arietinum) è una pianta erbacea della famiglia delle Fabaceae. Il nome deriva dal latino cicer e arietinum deriva dalla somiglianza che hanno i semi con il profilo della testa di un ariete.

La storia

I ceci sono stati una delle prime colture domesticate. Probabilmente il nostro cece, deriva dal cece selvatico Cicer reticulatum. Questa specie selvatica ha origine in Turchia circa nel 5000 a.C., e le prime testimonianze archeologiche di coltura le abbiamo in Iraq, risalenti all’età del bronzo.

Gli Egizi

Tra il 1580 e il 1100 a. C., ci sono testimonianze scritte della presenza del cece in Egitto. Venivano impiegati soprattutto per alimentare gli schiavi, perché erano fonte di energia e permettevano di lavorare anche nelle giornate più estenuanti.

I Greci

Anche i Greci credevano che il cece desse potenza, infatti il nome greco dei ceci era kikus, che appunto significa forza.

I Romani

Nella Roma Imperiale, le famiglie nobili usavano i nomi dei legumi come cognomi. I ceci furono utilizzati per dare il cognome a Cicerone, perché un suo antenato aveva una verruca a forma di cece sul naso.

Curiosità

Secondo una leggenda basca, i ceci servono per scampare dalle grinfie del demonio. Se si è inseguiti da un demone, basta lanciare un pugno di ceci a terra. Per il diavolo infatti, è impossibile ignorare il gesto, si fermerà e dovrà contare tutti i ceci caduti, dando la possibilità al mal capitato di fuggire.

Come si coltiva

Il cece è una pianta che non vuole necessariamente i terreni fertili e argillosi, ma si adatta perfettamente a terre povere, aride e sassose, senza ristagni d’acqua né concimati eccessivamente. I ceci richiedono 10 gradi per germinare, non amano molto il freddo anche se resistono a temperature di qualche grado sotto lo zero.

La semina avviene a fine inverno, tra febbraio e marzo. Si interrano i semi in terra a 4 cm di profondità, in file distanti 40 cm e con 30 cm di spazio tra le piante. Dalla semina alla raccolta passano circa 6 mesi.

La raccolta avviene verso giugno/luglio, quando i baccelli sono secchi e la pianta ingiallisce.

Le proprietà

I ceci sono ricchi di fibre quindi regolarizzano l’intestino. Contengono Vitamina A e C, ferro, magnesio e calcio.

Le varietà

Tra i sigilli di Campagna Amica sono presenti particolari varietà di cece, tra cui:

– Cece di Cicerale: coltivato in Campania, è piccolo e di colore leggermente più scuro della norma;

– Cece della Merella: coltivato in Piemonte, in una zona con il clima secco e con terreni asciutti.     È una coltivazione riscoperta di recente;

– Cece Principe: coltivato in Sicilia, di grosso calibro, rugoso e arrotondato;

– Cece del solco dritto: famoso per la tradizionale festa a Valentano, nella Tuscia viterbese, durante la quale viene tirato un lungo solco nei campi per propiziare un buon raccolto.

I ceci in cucina, la ricetta

Baccalà con i ceci

Ingredienti:

– baccalà dissalato 800g

– ceci secchi 250g

– patate 600g

– pomodoro pelato 800g

– 2 spicchi d’aglio

– 1 cipolla

– sedano

– alloro

– prezzemolo

– olio extravergine

– peperoncino

– sale

– pepe nero

 

Procedimento

Mettere in ammollo i ceci per 12 ore, scolarli e trasferirli in una casseruola. Riempire la casseruola con acqua fredda, aggiungere una foglia d’alloro e cuocere per 1 ora e mezza. Al termine della cottura, salare i ceci. Sbucciare uno spicchio d’aglio e soffriggerlo in padella con l’olio.

Preparare un trito di cipolla, sedano e prezzemolo e soffriggerlo. Unire la salsa di pomodori pelati. Quando il sugo raggiunge il bollore, aggiungere i ceci e mescolare.

Scaldare un po’ d’olio su una padella e aggiungere le patate tagliate a cubetti. Unire le patate ben rosolate al sugo e mescolare il tutto.

Tagliare il baccalà a bocconcini e passarli nella farina per poi friggerlo in padella. Aggiungere il baccalà nel sugo e lasciar cuocere per 15 min.

Servire il baccalà in umido con basilico e pepe fresco.

TAGS
cecicoltivazionecucinacuriositàproprietàricettestoria

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi