Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
I consigli del nutrizionista

La colazione del contadino

29.01.19

Un’ottima scelta dietetica è quella di definire fin dal mattino l’assunzione di carboidrati e proteine bilanciate nella giusta proporzione

La colazione del contadino

a cura di Giorgio e Caterina Calabrese

Nostri studi medici dimostrano come due gruppi distinti di persone gravemente obese siano state analizzate facendo colazione e saltando colazione. Il gruppo di chi faceva colazione è dimagrito del 28% in più. L’effetto dimagrante di una ricca colazione che incide sul funzionamento del metabolismo non è una leggenda metropolitana ma legge. L’ipotalamo controlla un bel po’ di cose e ha un gran bel da fare ventiquattro ore su ventiquattro ininterrottamente e controlla anche l’attività endocrina e l’assunzione di cibo. Se al mattino, appena alzati, dimostriamo all’ipotalamo che siamo bravi e iniziamo a nutrirci, tutti i “suoi dipendenti” cominceranno a darsi un gran da fare per smaltire, immagazzinare correttamente e attivare al meglio il funzionamento del nostro corpo. Se al mattino, appena alzati, ci facciamo vedere pigri, svogliati e quel caffè ce lo concediamo quasi come fosse un favore per tutti questi adorabili esserini che lavorano per noi, tutti dormono in piedi. E quando deciderai di introdurre cibo, addormentati, stanchi e svogliati pure loro trasformeranno tutto in grasso.

Questo conferma che la prima colazione ricca è uno strumento fondamentale anche per la regolazione della glicemia e il pasto del mattino è un importante segnale per l’intero organismo. A maggior ragione questo vale per chi ha problemi con gli zuccheri e che potrebbe ottenere un importante beneficio da una maggiore libertà nella prima colazione (con calorie aumentate) e da una cena a minore impatto calorico. Per esperienza diretta sappiamo che si possono sempre mantenere gusto e convivialità anche a cena, usando porzioni più ridotte dei piatti che piacciono.

Quali cibi mangiare a colazione? Un’ottima scelta è quella di rimodellare la propria giornata alimentare e di definire l’assunzione di carboidrati e proteine bilanciate nella giusta proporzione. Una colazione corretta sarà ad esempio composta da qualche galletta integrale con un po’ di marmellata 100 per cento frutta con qualche seme oleoso, un frutto fresco intero e del tè con un velo di latte.

Impostare una colazione di questo tipo porta spesso a benefici inaspettati in termini di controllo di glicemia, umore, attenzione e vivacità durante tutta la giornata. I cereali integrali sono efficaci strumenti nel ridurre l’impatto glicemico, infatti è indispensabile preferire cereali integrali in quanto più ricchi di fibre, proteine e micronutrienti rispetto alla loro controparte raffinata, e tutti questi sono efficaci strumenti nel ridurre l’impatto glicemico (la capacità del cibo di aumentare la glicemia) del pasto, punto essenziale per chi ha problemi di diabete o iperglicemia. In modo simile ai cereali, anche la frutta fresca e intera (e meglio ancora biologica, per mangiarla con la buccia) risulta superiore a quella lavorata (o cotta, o sbucciata) in termini di capacità di modulazione della glicemia. È importante quindi non solo fare una colazione ricca, ma sceglierne con cura gli ingredienti: dai cerali alla marmellata la qualità vince sempre.

 

TAGS
calabresecerealicolazionefrutta

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi