Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Prepara il tuo orto

Compost, l’umidità al punto giusto

22.08.18

Segreti e consigli per gestire la quantità di acqua nel compost in maturazione

Compost, l'umidità al punto giusto

Torniamo a parlare di compostaggio. Uno degli aspetti fondamentali di cui tener conto per ottenere un ottimo compost dagli sfalci del giardino e dagli avanzi dei nostri pasti è senz’altro il grado di umidità e quindi la quantità percentuale di acqua in rapporto alla massa secca dei materiali presenti in compostiera.
Ricordiamo che un compost troppo secco non maturerà in quanto i batteri tenderanno a rallentare il metabolismo sino a interromperlo del tutto. Al contrario, troppa acqua creerà l’ecosistema idoneo per muffe e funghi dannosi.
Tutto ciò perché all’interno del cumulo di compost deve esserci sempre il giusto grado di ossigeno. Troppa acqua saturerebbe gli spazi. Dunque possiamo calibrare sempre questo parametro, aggiungendo specifici materiali. Ad esempio la paglia e la segatura sono ottimi per asciugare un compost troppo bagnato e comunque garantiscono i processi di compostaggio, anche se molto bagnati. Lo stesso vale per la carta. Nel caso in cui il compost sia troppo secco o lo innaffiamo oppure avremo cura di aggiungere materiali verdi e sfalci appena raccolti.
Come possiamo accorgersi se un compost ha il grado corretto di umidità? Semplicemente prendendo in mano e stringendo un pugno di materiale. Se è bagnato, colerà del liquido. Al contrario se si sbriciolerà vorrà dire che il compost sta soffrendo l’arsura. Un compost plastico e che conserva la forma del pugno sarà quello con il miglior grado di umidità.

TAGS
compostaggioconsigliestateortotutor