Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Notizie

Biologico, i trend di un mercato in crescita

28.06.18

Aumenta la presenza dei prodotti bio sugli scaffali della Grande distribuzione organizzata. Nei mercati, fattorie e  agriturismi di Campagna Amica ai metodi di coltivazione green si aggiungono anche filiera corta e km zero

Biologico, i trend di un mercato in crescita

È boom di prodotti biologici nella Grande distribuzione, che oltrepassano lo spazio commerciale fino a poco tempo fa appannaggio solamente ai negozi specializzati per il settore. Dopo un triennio che ha visto un’impennata delle vendite a tassi annui tra il 18 e il 19%, il biologico è tornato a crescere a un tasso del 10.5% rispetto al solo 2,8% dell’alimentare nella sua totalità (dati Nielsen/Assobio). Nei supermercati le vendite sono aumentate del 15,8% e quelle degli ipermercati a +11,7%. In particolare viene segnalato che dei 1.522 milioni di maggiori vendite di alimentari nell’ultimo anno, 156 milioni derivano da prodotti biologici.

Cresce anche il numero di referenze bio, aumentate del 18%, mentre nell’ultimo anno 1,3 milioni di famiglie in più sono diventate consumatrici abituali con il biologico che entra ormai ogni settimana nel carrello di 6.5 milioni di famiglie (26% del totale) e altrettanti son diventati i nuovi acquirenti. Le famiglie che acquistano almeno saltuariamente prodotti biologici sono 21,8 milioni, l’88% del totale.

Questi numeri danno il senso della crescente consapevolezza dei consumatori verso il cibo sano, di qualità e a basso impatto ambientale. Un trend che si riscontra anche presso i clienti – molto dei quali ormai fidelizzati – dei mercati, delle fattorie e degli agriturismi di Campagna Amica, dove oltre a una spesa di qualità, c’è il plus del poter mangiare locale, tagliando i passaggi dal produttore al consumatore e riducendo al minimo il trasporto delle merci: un modo efficace per abbattere l’immissione di gas inquinanti nell’atmosfera.

In fatto di buon cibo il nostro paese fa scuola anche all’estero. Con quasi 60mila aziende agricole biologiche l’Italia è leader in Europa del coltivare “secondo natura” mentre 40mila aziende agricole sono impegnate nel custodire semi o piante a rischio di estinzione. Siamo anche al vertice della sicurezza alimentare mondiale, con il minor numero di prodotti agroalimentari con residui chimici irregolari che non superano lo 0,6% (dati Coldiretti).

Numeri significativi arrivano pure dai singoli comparti produttivi, come ad esempio quello enologico, dove il tasso di crescita in valore delle vendite per il vino bio nel 2017 è stato superiore di venti volte quello della media del settore. Le vigne Made in Italy al “naturale” sono praticamente raddoppiate negli ultimi cinque anni con Sicilia, Puglia e Toscana che salgono nell’ordine sul podio delle Regioni con maggiore superficie biologica a vigneto e rappresentano insieme i due terzi del totale nazionale. E a crescere sono anche le aziende agricole con i vigneti coltivati secondo le tecniche della biodinamica codificate nel 1924 da Rudolf Steiner che rappresentano ben il 20% delle oltre 4mila realtà presenti in Italia.

TAGS
ambientebiologicocibofiliera cortagdogreenkm zeronaturalesalutetrend

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi