Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Notizie per le imprese

L’etichettatura d’origine di latte e derivati

06.06.18

Con le nuove norme, si verso una maggiore trasparenza nei rapporti col consumatore. Indicazioni e sanzioni in dettaglio

L’etichettatura d’origine di latte e derivati

Dal 19 aprile 2017 in Italia è scattato l’obbligo di indicare in etichetta l’origine del latte nei prodotti lattiero-caseari – come ad esempio il latte Uht, il burro, lo yogurt, la mozzarella, i formaggi e i latticini – obbligo che si applica non solo al latte vaccino, ma anche ovicaprino, bufalino e di altra origine animale (Dm 7/12/2016). Si tratta del completamento di un percorso di trasparenza sui prodotti lattiero caseari, che grazie a Coldiretti, è iniziato nel 2005 per il latte fresco, con l’applicazione dell’obbligo di indicare in etichetta la zona di mungitura (Dm 27/5/2004).

Vediamo come si applica l’obbligo dell’origine insieme alle altre informazioni obbligatorie in etichetta, nei due casi sopra citati.

Per il latte fresco, l’etichetta deve riportare le seguenti informazioni:

  1. La denominazione di vendita, con riferimento al tenore dei grassi/trattamento termico subito (latte intero, latte parzialmente scremato, latte scremato), oppure se è latte crudo
  2. Il produttore/confezionatore con l’indirizzo della sede dello stabilimento
  3. La data di scadenza (“da consumare entro…”)
  4. La data di confezionamento
  5. Il lotto di produzione
  6. La quantità netta
  7. Il marchio di identificazione sanitario, per gli alimenti di origine animale
  8. Le condizioni particolari di conservazione (“da conservare in frigo a 4°”)
  9. La dichiarazione nutrizionale
  10. L’origine, specificando la “Zona di mungitura….”, qualora sia possibile risalire, per la provenienza, fino agli allevamenti di origine, oppure “Provenienza del latte… ” qualora non sia possibile risalire fino agli allevamenti. L’indicazione dell’origine in etichetta può essere fatta con riferimento al:
    • comune, provincia (o le provincie) italiana (o del Paese dell’UE); in alternativa è consentito indicare: la regione (o le regioni) italiana (ovvero del Paese dell’UE);
    • “Italia” (o il nome del Paese dell’UE) nel caso di provenienza del latte crudo dall’Italia o da altro singolo Paese UE;
    • “UE” nel caso di provenienza del latte da più paesi membri comunitari
    • “Paesi Terzi” nel caso di provenienza del latte sia da Paesi dell’Unione europea ed paesi extra UE o solo da paesi extra UE

Per il latte Uht e i formaggi, l’etichetta deve riportare le seguenti informazioni:

  1. La denominazione di vendita, con riferimento al tenore dei grassi/trattamento termico subito (latte intero, latte parzialmente scremato, latte scremato), oppure se è latte crudo
  2. Il produttore/confezionatore con l’indirizzo della sede dello stabilimento
  3. Il termine minimo di conservazione (“da consumare preferibilmente entro…”), oppure, per prodotti molto deperibili, la data di scadenza (“da consumare entro…”)
  4. La data di confezionamento
  5. Il lotto di produzione
  6. La quantità netta
  7. Il marchio di identificazione sanitario, per gli alimenti di origine animale
  8. Le condizioni particolari di conservazione (“da conservare in frigo a 4°”)
  9. La dichiarazione nutrizionale
  10. L’origine, specificando:
  11. “Paese di mungitura…”, oppure: “latte di Paesi UE” o “latte di Paesi non UE”, e
  12. “Paese di condizionamento…” (per il latte UHT) o “Paese di trasformazione…” (per i formaggi), oppure: “latte condizionato in Paesi UE (o non UE)” o “latte trasformato in Paesi UE (o non UE)”. Se le due fasi coincidono nello stesso Paese, si può indicare: “ORIGINE DEL LATTE: …” con il nome del Paese dove il latte è stato munto, condizionato o trasformato.

Vale la pena ricordare che dal 9 maggio scorso si applica il Decreto legislativo del 15 dicembre 2017, n. 231 che prevede le sanzioni per le violazioni in materia di etichettatura, che ora variano da un minimo di 500 euro ad un massimo di 40mila euro per le inadempienze più gravi (mancata indicazione degli allergeni in etichetta e vendita oltre la data di scadenza).

In generale, per la mancata apposizione di una o più delle indicazioni obbligatorie, la sanzione va dai 3mila a 24mila euro, mentre per la mancata indicazione dell’origine la sanzione va dai 2mila a 16mila euro.

TAGS
etichettaturaformaggilattelatticinisicurezza alimentareyogurt

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi