Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Notizie

Consapevolezza e consumi, il binomio possibile

12.03.18

Sostenibilità, salute, denominazione d’origine, biologico, km zero sono i nuovi “must” nelle abitudini di acquisto degli italiani. Cresce anche l’attenzione verso il racconto dei cibi e il contatto con chi li produce

Consapevolezza e consumi, il binomio possibile

I consumatori “consapevoli” rappresentano circa un quarto della popolazione e quando fanno la spesa sono molto attenti alla salute e alla sostenibilità. Spesso preferiscono acquistare prodotti a km 0 a indicazione geografica (IGP/IGT) o denominazione di origine (DOP, DOC e DOCG) e biologici.

Nel corso degli anni, la metà dei consumatori ha mantenuto invariato il proprio stile di acquisto, confermando la propria preferenza per i prodotti genuini delle campagne italiane e della dieta mediterranea. Questo è quanto emerge dall’ultimo monitoraggio ISMEA, che evidenzia come la spesa degli italiani nel settore del food & beverage sia complessivamente tornata a crescere in maniera significativa (+3,2%).

È interessante osservare come nel carrello degli italiani aumenta la quota dei prodotti venduti con confezionamento del produttore, arrivando a pesare oltre il 63% degli acquisti domestici alimentari. In ciascuna filiera sono infatti questi i prodotti maggiormente favoriti, a sostegno della tesi che il consumatore chiede oggi che ogni prodotto gli venga in qualche modo raccontato. A conferma di questo trend positivo c’è anche il segmento “naturale e benessere”, che ha visto tassi di crescita a doppia cifra. In particolare per i prodotti integrali (tra cui spiccano pasta 17% e riso 10%) e l’olio extravergine di oliva (11%).

I consumi di frutta, verdura e carni in cifre

In generale l’aumento dei prodotti alimentari fa registrare un +3%: i prodotti “confezionati” segnano un +3,7%, mentre quelli “sfusi” +1,8%. A crescere in modo consistente sono soprattutto i prodotti freschi come frutta (+4,3%) e ortaggi (+4). Nell’ultimo anno, gli Italiani hanno speso di più per finocchi, carciofi, pomodori e melanzane, ma in generale l’espansione è trainata anche dai prodotti “trasformati” (+7,4%).

Per quanto riguarda la frutta, sono aumentati i consumi sia di quella “fresca” (+4,3%) che quella trasformata (+3,5). Buono è stato anche l’andamento (di volumi e prezzi) per la frutta estiva come le angurie, meloni, uva, susine. In ripresa la performance del settore carni che, dopo anni di calo anche a causa di falsi allarmismi e fake news sulla salute, torna a segnare un trend positivo in termini di prezzi e volumi (avicole +3,9%, bovine +3,4%, suine +2,7%).

Una petizione per difendere il made in Italy

I trend osservati nel report Ismea dicono che circa 3/4 del carrello della spesa è composto da prodotti ortofrutticoli (19,5%), carni e salumi (16,2%), cereali (14,2%), latte e derivati (13,8%), prodotti ittici (8,3%) e uova (1%). Purtroppo, non ancora per tutti i prodotti esiste quella trasparenza richiesta da 9 italiani su 10, laddove 1/4 della spesa alimentare resta tutt’ora anonima.

La sicurezza di controlli accurati su prodotti e produttori è al primo posto tra i motivi di acquisto che spingono gli italiani a recarsi nei mercati di Campagna Amica mentre sempre più urgente è la necessità di una maggiore tutela contro gli inganni e le frodi a tavola.

Per promuovere e garantire una maggiore sicurezza alimentare attraverso l’indicazione dell’origine della materia prima in etichetta e porre fine alle sofisticazioni che colpiscono il made in Italy agroalimentare, aderisci alla petizione Stop Cibo Falso.

TAGS
consapevolezzaconsumikm zeromade in Italyoriginetrend

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi