Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
I consigli del nutrizionista

I difetti della dieta vegetariana

14.09.17

Eliminando del tutto dall’alimentazione prodotti di origine animale, vengono a mancare proteine nobili, acido folico, il calcio e le vitamine D, B2 e B12

I difetti della dieta vegetariana

Oggi nutrirsi in modo assolutamente vegetariano, e a volte anche  vegano, è diventato quasi una moda. Che vuol dire in pratica? Niente prodotti di origine animale come carne o pesce, niente latte e formaggi e uso di soli legumi tipo soia e cereali. Risultato? Uno stato di malnutrizione che, soprattutto nei neonati e bambini, può provocare un malessere che sfocia nel tempo in alcune malattie metaboliche.
Perché la dieta vegetariana è squilibrata? Perché mancano le proteine nobili derivanti soprattutto da cibi di origine animale e contemporaneamente mancano la vitamina B12 e l’acido folico, il calcio, la vitamina D, la vitamina B2 e lo iodio.
I primi due elementi sono essenziali per il giusto equilibrio della produzione di globuli rossi e per farli funzionare bene, evitando stati gravi di anemia e prevenendo danni al tessuto nervoso.
Il calcio è indispensabile per  l’integrità e la formazione delle ossa e dei denti, sia nella mamma nutrice, sia nei bambini e serve anche per il buon funzionamento dei muscoli, fra cui il cuore e del sistema nervoso.
La vitamina D serve ad evitare il rachitismo pediatrico; la vitamina B2 la cui carenza può provocare danni alla pelle, specie vicino al naso e alla bocca e può dare disturbi agli occhi.
Lo iodio equilibra la tiroide che, se si altera, provoca tanti di quei guai… che è proprio meglio evitare!
Se parliamo di adulti vegetariani si può sopperire al rifiuto di mangiare carne assumendo uova, latte e formaggi mentre nei bambini, invece, questo non è corretto. La crescita corporea non è oggetto di moda e non si adegua a strane filosofie. Le cellule e i tessuti hanno bisogno di una giusta dose di proteine nobili, di grassi e di carboidrati con un equilibrio di minerali e vitamine che non si possono mettere in discussione. Un bambino alla nascita necessita innanzitutto del latte della propria mamma e, se ciò non è possibile, questo viene sostituito da latte umanizzato artificiale. Man mano che si procede verso l’età dello svezzamento si introducono alimenti di origine animale e si nota immediatamente una crescita di alta qualità del corpicino che gradisce molto questi elementi nutrienti nobili e li assimila velocemente. I dieci amminoacidi essenziali per l’età infantile si ritrovano tutti in questo tipo di cibo in modo massimale e molto assimilabile dal giovane intestino.

A cura di Giorgio e Caterina Calabrese

TAGS
alimentazione; nutrizione; dieta; calcio; vegetariano; vitamine;

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi