Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Cibi e ricette

Conserve e sottoli, niente conservanti e tanto gusto

27.07.17

?Siamo portati a pensare che tutti gli alimenti chiusi ermeticamente contengano additivi chimici per la conservazione. Non è così, ecco qualche esempio

Conserve e sottoli, niente conservanti e tanto gusto
           
Il tonno in scatola non ha conservanti, ma secondo un recente studio 6 consumatori su 10 non lo sanno, e pensano invece che contenga additivi. Eppure basterebbe leggere l’etichetta sulle confezione che le aziende alimentari sono tenute a riportare per legge, con l’elenco degli ingredienti, ossia acqua o olio, sale marino e aromi naturali.
In effetti le conserve sott’olio – come il tonno, le acciughe, le melanzane e i peperoni grigliati, ma anche altre conserve a base di aceto (come la giardiniera), di zucchero (ad esempio marmellate e confetture) o le passate di pomodoro – non hanno conservanti. Si tratta di preparazioni alimentari confezionate in contenitori a chiusura ermetica, sottoposte a trattamenti termici tali da permettere la stabilizzazione e la conservazione per lunghi periodi a temperatura ambiente.
Alcune di queste conserve – come nel caso del tonno, del pesto o della carne in scatola – devono essere sterilizzate e il trattamento può essere fatto solo a livello industriale. Altre invece – come le marmellate, i sottaceti, cibi in salamoia e i sottoli – possono essere preparate anche in casa perché la pastorizzazione (trattamento termico più blando della sterilizzazione) è accompagnata da trattamenti con aceto, zucchero o sale che annullano il rischio del botulino. Tutti i barattoli, i vasetti o le conserve in scatola vanno conservate a temperatura ambiente per periodi variabili da 1 a 4-5 anni in luoghi asciutti e ben areati.
L’olio si può considerare un agente conservante efficace e sicuro perché riduce la disponibilità di ossigeno ai batteri aerobi, limita la contaminazione dei batteri volatili e isola l’alimento dall’ambiente circostante. Ma l’olio non esercita alcun effetto sui batteri anaerobi – come il pericolosissimo botulino – per cui occorre sottoporre l’alimento da conservare sott’olio a particolari trattamenti in grado di garantirne la salubrità microbiologica (come acidificazione, salatura, pastorizzazione).
Il tonno in scatola, ad esempio, è un alimento sterilizzato termicamente in una scatoletta metallica sigillata: un processo che ne garantisce la salubrità e la conservazione, permettendo di mantenere tutte le sue proprietà nutritive e organolettiche, come odore, colore, sapore e consistenza. Una volta riempite, infatti, le confezioni vengono chiuse ermeticamente e poi sterilizzate ad una temperatura compresa tra 110° e 120° garantendo così una conservazione sicura per diversi anni. Dopo l’apertura è invece necessario tenere sempre i barattoli in frigorifero. Se il tonno è in scatola, è bene riporre il contenuto di quello avanzato nel frigorifero utilizzando un altro contenitore chiuso, in vetro o in plastica.
TAGS
sicurezza alimentare; sottolio; etichettatura; conserve; conservanti;

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi