Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Notizie

Gli allergeni in etichetta

29.06.17

Obbligatorio inserire gli ingredienti che potrebbero comportare un rischio allergico. E devono avere un carattere diverso per dimensione, stile o colore

Gli allergeni in etichetta
?Con il termine di allergia alimentare si intende una reazione avversa a molecole che vengono riconosciute come “estranee” all’organismo dal sistema immunitario, che si manifesta per lo più con sintomi gastrointestinali (nausea, vomito, dolori addominali e diarrea), cutanei (eczema, orticaria), respiratori (asma, tosse, rinite) e talora con manifestazioni generalizzate gravi quali l’ipotensione o lo shock anafilattico, che possono condurre sino alla morte. L’intolleranza alimentare è, invece, conseguente ad un disturbo della digestione (deficit enzimatico) o dell’assorbimento dei principali costituenti alimentari.
I sintomi sono spesso simili a quelli delle allergie e la loro intensità dipende dalla quantità ingerita dell’alimento non tollerato. Una forma particolare di intolleranza geneticamente determinata è la celiachia, il cui agente scatenate è il glutine, una proteina presente in molti cereali di uso comune.
Per evitare che le persone sensibili agli allergeni possano essere esposte a quelli contenuti eventualmente nei cibi, è prescritto che essi siano sempre evidenziati in etichetta tra gli altri ingredienti con un carattere diverso per dimensioni, stile o colore, a meno che la denominazione di vendita del prodotto non faccia chiaramente riferimento all’allergene in questione.
Oltre 120 alimenti sono stati descritti come responsabili di allergie alimentari, ma è solo un numero ristretto di alimenti a causare la maggior parte delle reazioni allergiche. Soltanto 14 sostanze, infatti, o prodotti necessitano dell’etichettatura obbligatoria degli allergeni in base alla legislazione dell’UE: cereali contenenti glutine (grano, segale, orzo, avena, farro); crostacei e prodotti a base di crostacei; uova e prodotti a base di uova; pesce e prodotti a base di pesce; arachidi e prodotti a base di arachidi; soia e prodotti a base di soia; latte e prodotti a base di latte; frutta a guscio: mandorle, nocciole, noci, noci di acagiù, noci di pecan, noci del Brasile, pistacchi, noci macadamia e i loro prodotti; sedano e prodotti a base di sedano; senape e prodotti a base di senape; semi di sesamo e prodotti a base di semi di sesamo; anidride solforosa e solfiti; lupini e prodotti a base di lupini; molluschi e prodotti a base di molluschi.
Anche i ristoranti e le attività di somministrazione di alimenti e bevande dovranno comunicare gli allergeni, tramite adeguati supporti (menù, cartello, lavagna o registro), ben visibili per il cliente. 
L’obbligo di informare il consumatore si riferisce solo agli allergizzanti inseriti volontariamente nell’alimento. Per il rischio allergizzanti involontari o di allergeni occulti l’industria alimentare da tempo ha adottato una comunicazione precauzionale, non obbligatoria, del tipo “può contenere (nome dell’allergene o fonte dell’allergene)”, oppure “può contenere tracce di (allergene o fonte dell’allergene), oppure “prodotto in stabilimenti in cui viene utilizzato (allergene e/o fonte dell’allergene), oppure “prodotto in filiere alimentari non separate, in cui viene processato anche (allergene e/o fonte dell’allergene)”.
TAGS
intolleranza alimentare; allergeni; etichetta;

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi