Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Cibi e ricette

Etichettatura: impara a conoscere lo stato fisico dei cibi

03.05.17

Il consumatore non va ingannato sulle proprietà degli alimenti e deve poter “virtualmente” ricostruire i passaggi di trasformazione industriale

Etichettatura: impara a conoscere lo stato fisico dei cibi
Dal 2011 è stato introdotto l’obbligo di indicare in etichetta se un alimento è stato congelato, affumicato, o se invece è in polvere, disidratato o sottoposto ad altre alterazioni dello stato fisico rispetto alla formulazione originale. In tal modo non sarà possibile rifugiarsi, nemmeno nella lista ingredienti, dietro termini come "latte", se si usa latte in polvere o proteine del latte.
Il consumatore non deve infatti essere ingannato sulle proprietà degli alimenti e deve poter “virtualmente” ricostruire i passaggi di trasformazione industriale che hanno snaturato in tutto o in parte l’alimento che sta acquistando. La data di congelamento o la data del primo congelamento per i prodotti che sono stati congelati più di una volta è obbligatoria. Allo stesso modo, un alimento de-congelato (ad esempio, il pesce) deve poter comunicare tale condizione al consumatore. Così, carne e pesce ricomposti (costituiti cioè da piccoli pezzetti agglutinati in modo da dare l’apparenza di un unico taglio-filetto) devono poterlo chiaramente indicare, per comunicare ai consumatori la reale qualità del cibo.
Per i prodotti e preparazioni a base di carne sotto forma di tagli, fette, porzioni o filetti, che contengono più del 5% del peso del prodotto finito di acqua aggiunta, la denominazione dell’alimento deve comprendere l’indicazione della presenza di acqua aggiunta. Nelle carne, nelle preparazioni a base di carne di carne e nei prodotti della pesca non trasformati è stato abrogato il limite del 5% previsto dalla precedente normativa nazionale (D.lgs 109/92) e quindi qualunque aggiunta di acqua va dichiarata tra gli ingredienti, a meno che questa non sia inserita a scopo tecnologico.
L’aggiunta di acqua quale ingrediente durante la fase di impasto rappresenta una consuetudine frequente nell’industria perché facilita alcune operazioni (come l’insaccatura nel budello) e conferisce maggiore lucentezza al prodotto finito. Ma ovviamente il consumatore deve esserne informato, in modo da evitare che compri inconsapevolmente una parte consistente di acqua al posto della reale materia attesa.
TAGS
traformazione; etichettatura; pesce; cibo; carne;

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi