Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
I consigli del nutrizionista

Sale, aggiungerlo spesso non serve

13.04.17

?Ogni italiano ne consuma giornalmente tra gli 8 e i 15 grammi mentre il nostro effettivo fabbisogno è di 3-4 grammi

Sale, aggiungerlo spesso non serve

Presso gli antichi popoli il sale era il simbolo di ciò che non si corrompe e si mantiene nel tempo, tanto che gli orientali definivano “patto di sale” un accordo duraturo.
Il sale che impieghiamo in cucina, solitamente, è composto da cloruro di sodio e viene aggiunto al cibo per dare maggior sapore e gusto. Noi medici spesso ne critichiamo l’uso eccessivo, perché provoca prima danni momentanei alla salute che possono diventare, purtroppo, anche cronici e di seria entità.
Ogni italiano ne consuma tra gli 8 e i 15 grammi mentre il nostro effettivo fabbisogno giornaliero è pari a 3-4 grammi.
La metà del sale che introduciamo deriva dalle dosi addizionate ai prodotti alimentari che provengono da lavorazioni artigiani e industriali. Un quarto deriva dal sale consumato per preparare gli alimenti (come il sale che si aggiunge all’acqua per cucinare la pasta). Anche i condimenti hanno delle aggiunte di sale, a volte esagerate e anche inutili, a cui si somma la cattiva abitudine di salare prima di assaggiare. Bisognerebbe prendere esempio delle dosi dei sacramentali; il sale, infatti, è sinonimo di sapienza e va quindi usato con criterio.
L’ultimo quarto, invece, si trova naturalmente negli alimenti ed è responsabile del suo gusto naturale, prima che vengano cucinati. L’abuso del sale da cucina causa, spesso, ipertensione arteriosa;  infatti, per poter ottenere il riequilibrio della pressione sanguigna è necessario diminuirne la quantità giornaliera.
Ci sono molti tipi di sale che oggi si consumano e che vengono prescritti dai medici, specie dai dietologi e dagli internisti. Oltre al sale marino, c’è il sale integrale, che abbassa l’incidenza delle malattie cardio-vascolari; il sale dietetico, che aumenta la diuresi, e la novità è il sale jodato, che aiuta coloro che soffrono di forme di ipotiroidismo, problema notevole per le persone che vivono in zone lontane dal mare, o addirittura in montagna.
La salatura di un alimento da sempre avviene per conservare il prodotto, come nel caso dei prosciutti e dei salumi e si può avere una salatura a secco, per sovrapposizione di strati di sale, oppure salatura per immersione in salamoia, che si usa per i prosciutti da cuocere, che dopo la salatura, vengono asciugati e stufati.

 

A cura di Giorgio e Caterina Calabrese

TAGS
nutrizione; ipertensione; sale; alimentazione; salute;

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi