Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Cibi e ricette

Etichette, i cibi più leggeri sono davvero salutari?

29.03.17

I claim nutrizionali sugli alimenti sono sottoposti a rigide regole che garantiscono trasparenza e concorrenza leale sul mercato. Ma attenzione all’intera lista degli ingredienti

Etichette, i cibi più “leggeri” sono davvero salutari?
             
Dolci a basso contenuto di zuccheri, latticini senza grassi, snack ipocalorici: il sogno di poter godere del gusto di un alimento senza pagarne lo scotto sul girovita è sempre in agguato. Ma davvero poi questi cibi mantengono quel che promettono? Non sempre in realtà i claim pubblicitari riflettono la reale qualità nutrizionale del cibo. A mettere in guardia dalle insidie del marketing sono i risultati di uno studio che ha preso in esame 80 milioni di articoli acquistati negli Usa da 40mila famiglie.
Pubblicato sul Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics, mostra che prodotti con etichette che indicano ‘a basso contenuto di’ possono rivelarsi ingannevoli. Nell’acquistarli – le famiglie a reddito medio/alto sembrano più propense a farlo – il consumatore si sente di fare qualcosa di utile per la propria salute, quando in realtà i cibi salutari sono tutt’altro. Nel loro maxi ricerca, gli scienziati della Università del North Carolina at Chapel Hill hanno rilevato che il 13 per cento degli alimenti e il 35 per cento delle bevande acquistate tra il 2008 e il 2012 era etichettato come "a basso contenuto di" o "senza". Le rivendicazioni in etichetta però possono confondere perché relative a solo un nutriente: ad esempio, una porzione di tre biscotti a ridotto contenuto di grassi ne contiene 4,5 grammi rispetto ai 7 in una porzione normale ma entrambi contengono ancora 14 grammi di zucchero ciascuna. Il latte al cioccolato a basso contenuto di grassi, invece, in genere ha un più alto contenuto di zucchero rispetto al latte normale e più alto livello di zuccheri e grassi rispetto ad altre bevande.
Rispetto agli Stati Uniti, il consumatore europeo è più protetto. Un regolamento comunitario del 2006 detta precise norme su indicazioni nutrizionali, sulla salute e relative alla riduzioni di rischi di malattie. E proprio rispetto agli alimenti ‘a basso contenuti di’ nell’Ue si devono rispettare dei rigidi parametri per poter utilizzare questa dicitura. Ci sono infatti delle precise soglie che non possono essere superate per le indicazioni di bassi contenuti di calorie, grassi, zuccheri, sodio/sale. In tutti i casi, comunque, i claim non possono in alcun modo essere falsi, ambigui o fuorvianti, non devono incoraggiar consumi eccessivi di cibo, non devono far nascere o sfruttare timori nei consumatori, devono basarsi su prove scientificamente accertate ed essere formulati in modo facilmente comprensibile. Questo sistema di chiarezza, trasparenza e uniformità serve non solo a salvaguardare chi acquista ma anche a garantire alle aziende condizioni di concorrenza leale in un mercato sempre più attento alla sicurezza alimentare e al mantenimento fino in tarda età di una buona forma fisica.
TAGS
sicurezza alimentare; nutrizione; claim; salute; etichette;

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi