Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Cibi e ricette

Pomodori in frigo? Attenzione alla perdita di sapore

20.10.16

Dopo una settimana il gusto è irrimediabilmente cambiato. Ecco i nostri consigli per conservare correttamente i cibi

Pomodori in frigo? Attenzione alla perdita di sapore
                     
Il frigo toglie sapore ai pomodori. Quindi, per quanto possibile, è meglio conservarli fuori. Non è un consiglio della nonna, ma il risultato di una ricerca scientifica dell’Università della Florida, recentemente pubblicata su Pnas (Proceedings of the National Academy of Sciences).
Per arrivare a questa conclusione, il team guidato dal professor Harry Klee ha conservato diverse varietà di pomodoro a 5 gradi centigradi per uno, tre o sette giorni. I prodotti sono stati poi trasferiti a 20 gradi centigradi per uno o tre giorni, per favorirne la maturazione. Misurando i composti volatili associati al sapore, i ricercatori hanno scoperto che questi risultavano ridotti del 65 per cento quando i pomodori erano stati conservati in frigorifero per sette giorni. E questi composti chiave non tornavano comunque a un livello normale neppure dopo tre giorni di recupero a temperatura ambiente. È stato fatto anche un test di degustazione “blind” con 76 consumatori. Pur non sapendo quali fossero i pomodori tenuti in frigo per una settimana, quelli refrigerati sono stati giudicati meno saporiti di quelli consumati il giorno la raccolta.
Il motivo della perdita di sapore è che sotto i 12 gradi (il frigorifero viene tenuto in media a 4-5) il prodotto si mantiene certamente fresco, ma le temperature fredde interferiscono con gli enzimi che danno sapore. L’effetto che si ottiene è quello di un pomodoro alla vista lucido, dal colore brillante, invitante nell’aspetto, ma poi insipido al gusto.
Ci sono comunque una serie di accorgimenti che è bene seguire per conservare correttamente i cibi. Innanzitutto è bene sapere che il frigo non deve essere mai stracolmo, perché questo ostacolerebbe una corretta alimentazione e il raffreddamento (se ci fate caso quando il frigo è troppo pieno gli alimenti non si raffreddano bene). È importante controllare con regolarità i cibi ed eliminare quelli scaduti o che presentano alterazioni di colore e odore. Per quanto riguarda la temperatura, quella ideale è sui 4 gradi, mentre per il freezer va bene -18 gradi. Quando vedete formarsi il ghiaccio sulle confezioni di surgelati o sulla carne significa che c’è stata un’interruzione del freddo. È fondamentale pulire periodicamente le superfici a contatto con gli alimenti e consumare al più presto le confezioni aperte, al massimo entro un paio di giorni (a meno che le indicazioni non dicano altro).
Per quanto riguarda l’organizzazione del vostro frigo, negli scomparti in alto (meno freddi), potete sistemare formaggi, affettati sottovuoto e scatolette chiuse o aperte (per le scatolette aperte è meglio utilizzare contenitori di plastica); in quelli al centro (temperatura intermedia), carni cotte, minestroni, brodi, paste, affettati, latticini e uova; in basso (più freddi), carni crude e pesce crudo e cotto mentre per il cassetto di frutta e verdura è bene di ricordarsi di non lavarle mai prima di riporle, perché questo favorirebbe la crescita di muffe e batteri.
 
frigo.jpg 
TAGS
alimentazione; frigorifero; conservazione; salute; pomodori;

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi