Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Notizie

Zafferano di Sardegna, eccellenza italiana

03.02.16

Con la maggiore produzione e il maggior consumo, la regione è leader anche in Europa

Zafferano di Sardegna, eccellenza italiana
La Sardegna è la capitale italiana dello zafferano. E con la maggiore produzione e il maggior consumo, si può addirittura considerare leader in Europa. Su circa 50 ettari in tutta Italia di superficie destinata alla coltivazione, 35 ettari si trovano nell’isola, i restanti 15 ettari vengono coltivati in Toscana, Marche, Abruzzo e Umbria. Mentre a livello mondiale detiene il monopolio l’Iran, con il 90 per cento della produzione.
A dire la verità, più che di Sardegna dovremmo parlare di Medio campidano o meglio dei Comuni di San Gavino, Turri e Villanovafranca. Tre Comuni dove si è conservata e trasmessa nel tempo la sua coltivazione, persa nel resto del territorio isolano, gli unici dove si può produrre lo zafferano sardo Dop.
E proprio il riconoscimento della denominazione di origine protetta ottenuto da pochi anni “sta risvegliando l’interesse anche negli altri territori sardi – racconta Sandro Picchedda, dell’azienda Itria di Turri – dove si sta riscoprendo la coltivazione. La Dop è una grossa opportunità. Oggi ne fanno parte 5 aziende, per circa 3 ettari di superficie, ma rappresenta il futuro e la garanzia per produttori e consumatori, bombardati dallo zafferano estero che spesso di sardo hanno solo il confezionamento” avverte il produttore, invitando a leggere con attenzione anche l’origine del prodotto. La coltivazione dei bulbi avviene ogni cinque anni. “La maggiore produzione avviene il terzo anno. In media si ottengono 4-5 kg a ettaro”.
In Sardegna non ci sono grosse aziende. Si contano nelle dita di una mano quelli che ne destinano piccolissimi appezzamenti. “Questo perché – spiega Mauro Curreli, produttore di San Gavino – la coltivazione e la raccolta avviene in modo manuale. La maggior parte sono hobbisti o agricoltori che coltivano lo zafferano per integrare il reddito. La raccolta si concentra in due settimane, tra fine ottobre e i primi 15 giorni di novembre, e in particolare in due tre giorni”.
Lo zafferano è l’ennesimo esempio della biodiversità delle produzioni sarde che oggi, con l’affermarsi delle aziende sempre più multifunzionali, si sta riscoprendo. Ai produttori di San Gavino, Turri e Villanovafranca il merito di aver saputo conservare una lunga tradizione anche quando per quasi cinquant’anni era stata dimenticata nel resto dell’isola.
TAGS
zafferano; dop; biodiversità; sardegna;

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi