Clicca qui e scopri le nostre eccellenze
Scopri dove trovare le nostre eccellenze
Ricerca per:
Riduci
Riduci
Riduci
Notizie

Non chiamatelo solo asino

28.08.15

Tutti i segreti di un animale dal carattere libero, di una natura che non si lascia facilmente sottomettere e dominare

Non chiamatelo solo asino

?Due le caratteristiche anatomiche dell’asino che colpiscono immediatamente. L’occhio e la testa sproporzionatamente grandi rispetto al corpo. Le orecchie anch’esse esageratamente lunghe rispetto al resto del corpo. Sappiamo che l’occhio e la testa molto grandi sono una caratteristica dei cuccioli di tutte le specie (quindi anche dell’uomo). I piccoli nati, infatti, sono facilmente riconoscibili, anche a distanza, proprio per questa particolarità: occhi e testa molto grandi in rapporto al corpo. Questa “sproporzione” in natura ha l’effetto di muovere nei soggetti adulti l’istinto protettivo, l’affettività e di inibire l’aggressività. Infatti da sempre i cuccioli di tutte le razze fanno tenerezza, suscitano il senso ludico e le coccole. L’asino, fatto alquanto eccezionale, mantiene anche da adulto una testa grande con due grandi occhi. Questo gli conferisce un aspetto di eterno cucciolone. Per questo l’asino ci fa sempre tenerezza e ci strappa sempre qualche carezza. In più l’asino ha due orecchie lunghissime, sproporzionatamente lunghe, che muove costantemente in tutte le direzioni come antenne paraboliche. Provate a confrontarle con quelle del cavallo, sono più di cinque volte più grandi. Le orecchie servono per ascoltare. In un mondo ove tutti parlano e pochi ascoltano, ove l’impulso narcisistico a mettersi in mostra e esibirsi, il bisogno di primeggiare sono sempre più forti, ove ognuno sente la necessità di raccontarsi e di stare sul palcoscenico, un amico dalle lunghe orecchie che sta lì ad ascoltarci è una grande cosa. E l’ascolto dell’asino è la sua disponibilità, è la sua accoglienza, la sua tranquillità. Ascoltare significa com-prendere, cioè prendere dentro, contenere, condividere emotivamente, partecipare l’esperienza dell’altro. È quanto raccomando incessantemente ai genitori: ascoltate i vostri figli, ascoltateli in silenzio.
Impariamo dagli asini, impariamo ad ascoltare. Le orecchie dell’asino rappresentano la sua accettazione incondizionata e acritica, senza giudizi e senza moralismi. Eppure storicamente le orecchie d’asino sono il simbolo della somaraggine e hanno terrorizzato gli scolari di tutte le generazioni.
La testa d’asino con le sue lunghe orecchie diventa il cappello del giullare. Perché il giullare ha le orecchie d’asino? Perché è matto. Nel Medioevo la testa d’asino era il simbolo della follia. E la follia non appartiene al mondo umano, appartiene al mondo divino. E la follia, in queste lunghissime orecchie dell’asino, che indicano attenzione, porta il segno della sapienza. E la follia è anche il prezzo della libertà. Ma soprattutto “asino” è l’appellativo che si attribuisce a un comportamento che non si piega, che ha una sua logica, che segue un suo dinamismo interno. Insomma ad un comportamento che non riusciamo ad addomesticare. Infatti il cavallo, che è uno spirito gregario, ha bisogno di essere domato, sottomesso al padrone, e in caso di pericolo per il suo padrone è pronto a sacrificarsi in suo luogo. Al contrario l’asino, che è uno spirito indipendente, non ha bisogno di doma, può solo essere abituato a determinate mansioni, addestrato, ma solo nel rispetto della sua libertà e autonomia. In caso di pericolo per il suo padrone, pensa prima alla sua salvezza non curandosi di altro. Se l’appellativo “asino” si riferisce ad una personalità libera, indipendente, non influenzabile e canalizzabile, ad una natura che non si lascia sottomettere e dominare, be’ allora dare dell’asino a qualcuno dovrebbe essere un complimento.

 di Eugenio Milonis
TAGS
;

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

COOKIE POLICY

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.
Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.
Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie.

In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie:
- cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser;
- cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito;
- social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento;
- cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate.

Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie.
- Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

- Internet Explorer
- Mozilla Firefox
- Google Chrome
- Apple Safari
- Opera

Chiudi