Sei in: Home > Cibi e ricette > Il biodiverso: topinambur...

10/11/2014 00:00

 Il biodiverso: topinambur che passione!

 
​Facile da coltivare, ottimo in tavola e dalle molteplici proprietà benefiche. Ce lo racconta la nostra Gabriella Nardoni

 

C’è chi lo chiama “carciofo di Gerusalemme” o “tartufo di canna”, ma il Topinambur per il suo aspetto ricorda molto la buona e vecchia patata. “Il sapore è delicato e molto simile al carciofo”, spiega Gabriella Nardoni dell’omonima azienda Agricola appartenente alla rete di Campagna Amica - prima di chinarsi sul terreno e cominciare la raccolta. “Iniziamo oggi – dice – e si può continuare a raccogliere fino a marzo perché il topinambur è una pianta erbacea spontanea, una volta messa a dimora non serve più ripiantarla e se non viene raccolta diventa infestante”.
La difesa della biodiversità è una delle missioni di Campagna Amica, e l’Azienda Agricola  Nardoni è da sempre attenta alla coltivazione di questi prodotti: “Il topinambur l’abbiamo scoperto da un nostro cliente che ce lo chiedeva – racconta – così abbiamo cominciato a coltivarlo visto anche che non è impegnativo. Nel tempo ci siamo accorti che la richiesta aumentava e oggi siamo arrivati a produrne 30 quintali”. Un prodotto facile da coltivare (è una pianta che si adatta facilmente a temperature e terreni diversi)  e ottimo in cucina. “Oltre ad essere davvero buono – assicura Gabriella – è ottimo per le zuppe, con burro e acciughe, cotto o al vapore e anche crudo (così da non alterare nessuna delle proprietà benefiche) magari affettato in un’insalata”.
Insomma molteplici gli usi in cucina, come anche i benefici per il corpo: è costituito per l'80 % da acqua, proteine, zuccheri, carboidrati e fibre alimentari. Tra le vitamine troviamo la vitamina A, e alcune appartenenti al gruppo B. Tra i minerali  il potassio, il magnesio, il ferro e il fosforo. “Fa benissimo per l’intestino – aggiunge Gabriella - e contiene l'inulina, che è una molecola nutritiva dalle eccellenti proprietà che favorisce anche la digestione. Inoltre, è indicato anche per calmare la fame e quindi per chi sta seguendo una dieta”. Non resta che provarlo!

 topinambur; gabriella nardoni; novembre; biodiversità