Sei in: Home > I percorsi del gusto > Costiera amalfitana, pres...

13/12/2013 00:00

 Costiera amalfitana, presepi naturali fra terra e mare

 
Fra verdi vallate e dolci promontori, terrazze di limoni e suggestive calette, si snoda uno degli angoli più suggestivi ed emozionanti d’Italia

 

Fra verdi vallate e dolci promontori, terrazze di limoni e suggestive calette, si snoda uno degli angoli più suggestivi ed emozionanti d’Italia. Meta turistica apprezzata e famosa in tutto il mondo la costiera amalfitana regala da sempre ai propri visitatori un immenso patrimonio di storia, natura ed enogastronomia. Una terra dalla vocazione fortemente marinara, generalmente frequentata ed esplorata soprattutto nel periodo estivo. La costiera amalfitana, tuttavia, si presta ad essere visitata in qualsiasi stagione dell’anno e, diversamente da quanto si potrebbe immaginare,  in modo particolare nel periodo natalizio. È infatti in questo periodo dell’anno che i borghi disseminati lungo la costa fra Napoli e Salerno si riempiono di un fascino e una magia particolari, regalando la sensazione di essere di fronte a veri e propri presepi naturali.
Organizzare un weekend pre-natalizio in costiera amalfitana potrebbe essere quindi la soluzione ideale, qualora si abbia voglia di trascorrere un fine settimana insolito, ma pur sempre all’insegna della tradizione.
  
Da Positano ad Amalfi
Il viaggio comincia proprio da quella che viene definita la “perla della costa d’Amalfi”: Positano. Il piccolo borgo, splendido e suggestivo in ogni stagione dell’anno, caratteristico per le sue casette bianche arroccate sulla roccia, assume quasi le sembianze di una natività. Fra scalinate a gradoni e vicoli angusti, è possibile ammirare botteghe artigianali e atelier di artisti sostando, perché no, anche in uno dei tanti ristoranti e caffè in cui gustare le prelibatezze del posto. È tuttavia la pittoresca frazione di Montepertuso a trasformarsi in un vero e proprio presepe vivente, inscenato ogni 6 gennaio dell’anno dai suoi abitanti.
Si prosegue, quindi, verso Praiano dove, fra lunghe scalinate e panorami mozzafiato, è possibile visitare la Chiesa di San Luca evangelista e la Torre a mare. Più a sud, si raggiunge il borgo principe della costiera, quello di Amalfi. Qui merita una visita il Duomo, situato alla sommità di una monumentale scalinata e caratteristico per il portale bronzeo e la facciata barocca, abbellita da mosaici d’impronta bizantina.
 
Da Amalfi a Vietri
Tuttavia è a pochi chilometri da Amalfi, nelle acque del Tirreno, che si nasconde un vero e proprio tesoro sommerso: un presepe realizzato in ceramica di Vietri. Posto a quattro metri di profondità, nella Grotta dello Smeraldo, ogni 19 dicembre dell’anno è meta di una caratteristica processione di sub locali.   
È poi la volta di Ravello, meta ricca di fascino e i cui monumenti e ville hanno sedotto nel tempo turisti provenienti da ogni parte del mondo. Non solo ma è qui che cittadini e visitatori hanno la possibilità di votare ogni anno il presepe natalizio più artistico.
Si prosegue, infine, verso Vietri, città della ceramica. Un’arte dalla lunga tradizione, che è visibile anche nell’architettura delle case del borgo, sulle cui mura sono incastonate splendide mattonelle. 
 
Prodotti tipici
La costiera, oltre a custodire vere e proprie meraviglie della natura e splendidi tesori culturali, è soprattutto terra di prelibatezze e specialità gastronomiche uniche. Basti pensare agli squisiti limoni - tra cui il Limone Costa d’Amalfi Igp - utilizzati nei dolci e nella preparazione di liquori, come il rinomato limoncello, ai numerosi piatti di mare, fra cui la zuppa di pesce, alla pasta fresca, come gli scialatielli, alle sfogliatelle di Santa Rosa, ai sospiri e alle delizie al limone.
Altrettanto celebre, anche se limitata, è la produzione vinicola: vini bianchi, rossi e rosati, raccolti nella Doc Costiera Amalfitana con le denominazioni di Amalfi, Furore e Tramonti.

 weekend; costiera; campania; dop; itinerario; igp; vino; limone; amalfi