Sei in: Home > I percorsi del gusto > Sanremo, mare in cucina f...

21/02/2014 00:00

 Sanremo, mare in cucina fra fiori e canzoni

 
A  due passi dalla Costa Azzurra, la “città dei fiori” accoglie turisti da ogni parte del mondo, offrendo arte, svago e divertimento, oltre a un clima estremamente gradevole in qualsiasi stagione dell’anno

 

Mondana e accogliente, nota ai più per il celebre Festival della Canzone Italiana e uno dei principali Casinò d’Italia, Sanremo è da sempre meta di un turismo dorato e ricercato. Al centro di un’ampia insenatura tra capo Verde e capo Nero, a due passi dall’altrettanto rinomata Costa Azzurra, la “città dei fiori” accoglie turisti da ogni parte del mondo, offrendo arte, svago e divertimento, oltre a un clima estremamente gradevole in qualsiasi stagione dell’anno.
Da sessantaquattro anni protagonista dell’attenzione mediatica, in quanto sede di uno degli appuntamenti televisivi e canori più importati d’Italia, Sanremo ben si presta a diventare meta di un weekend all’insegna della mondanità, del divertimento e, perché no, anche della buona tavola.
  
Prodotti tipici e Campagna Amica
Terra di mare e di pescatori, questa città vanta una tradizione enogastronomica semplice ma raffinata, che trova nella variegata cucina a base di pesce il proprio punto di forza. Si va dalla Sardenaira (una sorta di pizza dai molti aromi, con salsa di pomodoro, capperi e acciughe), allo stoccafisso brandacujon, ricetta che già nel nome reca le tracce di un’influenza provenzale, dove il pesce viene bollito, sminuzzato, sbattuto e mantecato con aggiunta d’olio, patate e aglio, fino a ridurlo in crema.
Nei ristoranti della città è inoltre possibile gustare i più apprezzati pesci del Mar Ligure: dal branzino all’orata, dalla gallinella al nasello, dal pesce spada al tonno. Fra i piatti tipici i ravioli di borragine, o ancora le tradizionali trofie al pesto.
Gli amanti delle specialità locali potranno inoltre far visita ad alcune fattorie e agriturismi del circuito Campagna Amica, mentre l’acquisto dei prodotti a km0 potrà essere effettuato presso i mercati della rete.  
 
Da borgo Pigna a Corso Imperatrice
Il viaggio di esplorazione della città può cominciare dal centro storico, il nucleo antico di Sanremo. Si tratta del borgo medievale di Pigna, un vero e proprio groviglio di vicoli stretti e antiche case addossate alla roccia, il cui nome deriva proprio dalla forma che l’insieme degli edifici vanno a comporre. Qui è possibile ammirare il Duomo di San Siro, una delle più prestigiose chiese gotiche liguri, e il Santuario della Madonna della Costa, che custodisce al suo interno opere pregiate fra cui alcuni dipinti del Trecento, affreschi e marmi seicenteschi.
Imperdibile è poi la Chiesa Ortodossa Russa di San Basilio, dedicata a Cristo Redentore e Santa Caterina, costruita alla fine dell’Ottocento.     
Per respirare il reale spirito sanremese, tuttavia, è d’obbligo una passeggiata lungo Corso Imperatrice, che prende il nome da Maria Alexandrovna, moglie dello zar Alessandro II, che soggiornò a Sanremo verso la fine dell’Ottocento.

Da Lungomare delle Nazioni a Villa Ormond
Non solo, merita una visita anche il Lungomare delle Nazioni, dove ogni anno si svolge una delle manifestazioni storiche di Sanremo, ovvero la sfilata dei carri decorati e adornati con i fiori della città.
Raffinatezza ed eleganza si respirano, tuttavia, in ogni angolo di Sanremo, ed arrivano anche al cuore verde della città, che trova la sua massima espressione nei Giardini Regina Elena e in Villa Ormond.
I primi, dedicati alla Regina Elena di Montenegro e situati immediatamente al di sotto della salita che conduce al Santuario della Madonna della Costa, consentono di godere di panorami e vedute mozzafiato.
Villa Ormond, invece, offre ai suoi visitatori un parco ricco di ambienti e vegetazioni differenti, che dagli uliveti passano per piante più esotiche, fino ad arrivare alla ricostruzione del giardino giapponese, ispirato alla filosofia zen.

 itinerario; pesto; sanremo; liguria