Sei in: Home > I percorsi del gusto > Milano, città creatività ...

06/12/2013 00:00

 Milano, città creatività e cosmopolita

 
Sempre in febbrile attività e nota soprattutto per la sua movida serale, il capoluogo lombardo è la meta ideale per ogni genere di visitatore: dall’amante dello shopping  all’appassionato d’arte, architettura e design, al cultore dell’enogastronomia

 

Capitale economica e centro cosmopolita per eccellenza, punto di riferimento della moda e del design, Milano è una delle città più importanti d’Italia. Sempre in febbrile attività e nota soprattutto per la sua movida serale, il capoluogo lombardo appare come la meta ideale per ogni genere di visitatore: dall’amante dello shopping più sfrenato all’appassionato d’arte, architettura e design, al cultore dell’enogastronomia. Questa città ne ha per tutti i gusti e chiunque scelga di trascorrervi un weekend difficilmente avrà modo di annoiarsi. 
   
Da Piazza Duomo a via Montenapoleone
Un buon punto di riferimento da cui partire, soprattutto per chi dovesse arrivare in città per la prima volta, è il Duomo. Simbolo di Milano, maestoso e imponente al tempo stesso, questa splendida cattedrale gotica si caratterizza per le centinaia di guglie e le numerosissime statue esterne, fra cui la famosa Madonnina. Sempre viva e affollata, Piazza Duomo rappresenta il centro nevralgico della città, a due passi dai monumenti più interessanti e dalle vie principali. Qui troviamo, ad esempio, la Galleria Vittorio Emanuele II. Molto più che un semplice centro commerciale, questo splendido edificio del XIX secolo è spesso definito come il “salotto di Milano”. Nelle immediate vicinanze, alle spalle della Galleria si staglia, invece, il Teatro della Scala, fra i più famosi al mondo. È poi possibile raggiungere Piazza dei Mercanti, un piccolo angolo di Medioevo che, sempre sotto Natale, comincia a riempirsi di mercatini e bancarelle di souvenir, cioccolatini e tanti prodotti locali. Per gli amanti della moda, invece, un salto nella lussuosa via Montenapoleone è d’obbligo.

Da via Montenapoleone a Sant’Ambrogio
A questo punto, scendendo verso via Monte di Pietà e dirigendosi verso via Cusani, si arriverà a Largo Benedetto Cairoli. Qui è possibile ammirare in tutta la sua magnificenza il castello Sforzesco, un tempo residenza degli Sforza-Visconti. Gli amanti di arte e design potranno cogliere l’occasione per far visita alla Triennale. Scendendo verso Corso Magenta, invece, si raggiungerà Piazza di Santa Maria delle Grazie, dove è possibile visitare la chiesa omonima, che conserva uno dei dipinti più famosi di Leonardo da Vinci: l’Ultima Cena.
Per completare l’itinerario artistico occorre, poi, tornare verso Largo Cairoli, via Monti di Pietà e imboccare via Brera. Qui ha sede la Pinacoteca, museo che ospita una delle più importanti collezioni d’arte d’Italia.
Infine per concludere l’esplorazione della città, è possibile far visita alla Basilica di Sant’Ambrogio, il santo protettore di Milano. La chiesa è una struttura in stile romanico-bizantino e conserva alcuni mosaici originari dell’epoca.

Prodotti tipici
Concentrato di genti multietniche, pur avendo alle spalle una lunga tradizione culinaria locale, Milano rappresenta il panorama enogastronomico e della ristorazione a 360°. Dalla cucina regionale italiana a quella internazionale, questa città è in grado di soddisfare palati di ogni genere, da quelli più raffinati ai più ricercati.
Agli amanti dell’antica gastronomia milanese, invece, la città riserva pochi e selezionati locali storici. Proprio qui sarà possibile gustare i nervitt, nervetti di piedino di vitello bollito con cipolla, i mondeghìli, le polpettine degli avanzi, il classico risotto alla milanese con lo zafferano, o ancora la cassoeula, stufato di maiale e verze, i messicani, involtini di vitello farciti con salsiccia e grana, e i bruscitt, stracciata di manzo cotta nel lardo e nel vino rosso.
Fra i dolci spicca invece il panettone, unico vero prodotto tipico della città, dalle origini antichissime. Le prime produzioni risalirebbero infatti, agli anni della signoria sforzesca. 
   
La Rete di Campagna Amica
È, tuttavia, soprattutto il territorio della provincia ad offrire le principali specialità e una maggiore quantità di prodotti tipici milanesi. Per una più ampia degustazione della gastronomia locale, è consigliabile recarsi nelle fattorie, nelle botteghe, negli agriturismi o nei ristoranti del circuito Campagna Amica della zona.
Al contrario di quanto si possa immaginare, infatti, la realtà agricola milanese è molto forte, con 37mila ettari di campagna e un migliaio di aziende agricole attive soprattutto nell’allevamento bovino e caseario.
Un’attività importante, il cui riscontro è evidente nei cinque mercati cittadini sotto il segno di Campagna Amica e negli altrettanti mercati presenti nei comuni dell’hinterland.

 botteghe; fattorie; itinerario; milano; mercati; agriturismi