Sei in: Home > I percorsi del gusto > Lucca, cucina contadina e...

30/05/2014 00:00

 Lucca, cucina contadina e buon vino

 
Una piana che racchiude tutti gli ambienti naturali: mare, montagna, valli e colline. E prodotti agroalimentari unici, conosciuti in tutto il mondo

 

La Toscana, che terra meravigliosa: in questa regione fanno una lunga tappa dei giornalisti-camminatori impegnati nell’itinerario della Bisaccia del Pellegrino e Lucca sarà una delle località che verranno visitate. Considerata un po’ il cuore delle specialità toscane, Lucca è famosa soprattutto per l’antica cucina contadina, fatta di tradizioni e profumi con cui si realizzano piatti  cosiddetti poveri, ma pieni di gusto.
Tra i luoghi da visitare sicuramente la Piazza dell’Anfiteatro intorno alla quale si trovano osterie e trattorie tipiche del luogo, dove assaggiare antichi sapori; suggestivi anche la Torre Guinigi che sovrasta la località e l’orto botanico istituito nel 1820 da Maria Luisa di Borbone.
La Piana di Lucca (Lucchesia) in generale è la regione adatta a chiunque poiché racchiude tutti gli ambienti naturali: mare, montagna, valli e colline regalano a questa regione prodotti sicuramente unici e conosciuti in tutto il mondo, come l’olio extravergine d’oliva Dop di Lucca, ottenuto dalle olive quercetane, che ha un leggero sapore di fruttato e un colore verde-giallo intenso, ed il gusto è leggermente piccante e pungente; oppure vini doc come il Montecarlo.
Il turismo del vino trova in Lucca una terra che ha la vocazione naturale alla viticoltura e di conseguenza alla produzione di vini di ottima qualità, ma non bisogna sottovalutare la cucina e le sue prelibatezze.
Tra i prodotti che verranno inseriti nella Bisaccia del Pellegrino, il prosciutto bazzone della Garfagnana Pat, dalla forma allungata che ricorda il “bazzo”, il mento molto pronunciato; ha un sapore molto delicato e i profumi prevalenti sono quello della ghianda, del muschio, della castagna.
Ad accompagnare il “bazzone”, il famoso formaggio caprino delle apuane Pat, grasso a pasta morbida o semidura di colore bianco. È un formaggio da tavola che si accosta a vini rossi di bassa gradazione alcolica. Seppur non presenti nella Bisaccia, fanno parte della tradizione contadina lucchese anche la famosa pasta e fagioli, riso e ceci, le zuppe di farro e di lenticchie.
Tra i dolci tipici il Buccellato di Lucca: dalla classica forma a ciambella, ha un impasto molto morbido ed il sapore dolce  è esaltato dall’uva passa e dagli  anici. e si consiglia di consumarlo sorseggiando un buon vino rosso, ma c’è chi adora gustarlo anche cospargendolo di rhum e ricotta.

 lucca; itinerario; toscana; formaggio; vino