Sei in: Home > Orti Urbani > Orto “fai dai te”: terra ...

04/02/2015 00:00

 Orto “fai dai te”: terra di casa mia

 
​Dopo avervi accompagnato nella scelta del vaso giusto, il nostro personal trainer dell’orto ci spiega come scegliere il terreno più adatto terrazzi o giardini

 

E’ la volta della terra. Dopo avervi spiegato come scegliere il vaso migliore per il nostro orto in giardino o terrazzo, veniamo ad alcune regole generali per scegliere il substrato adatto per le nostre coltivazioni casalinghe.
Diciamo subito che la scelta del terreno è fondamentale: nutre, protegge e accoglie le piante in crescita. Per questo non possiamo fermarci alle scelte più semplici come l’acquisto di terriccio in un supermercato. Anche se è possibile utilizzare anche un substrato come questo, per ottenere un risultato positivo è bene conoscere le caratteristiche dei terreni rispetto alle piante che vorremmo far crescere. Per un orto sul terrazzo avremo bisogno di un terreno di medio impasto con una percentuale di materia organica. Un buon terreno in generale è costituito per un 40/50% in volume di particelle finissime (argilla e limo), da un 40/50 % di frazioni più grosse (sabbie) e da un 5/10 % di composti organici.
L’ambiente limitato di un vaso richiede però un’attenzione particolare e anche l’utilizzo di percentuali diverse, tali da permettere traspirazione ed evitare ristagni di acqua che sarebbero deleterie per le nostre piante.
Una buona miscela di terreno per vasi, valida in media per qualunque tipo di pianta, sarà costituita da un 50% in volume di terra di media composizione (viene chiamata "terra da giardino", e presenta un rapporto tra i vari componenti adeguato, simile a quello indicato sopra): a questa terra vengono aggiunti un 35/40% di torba e un 10/15% di sabbia. La torba aumenta il contenuto in sostanza organica, agisce come una spugna trattenendo una grande quantità di acqua e mantiene il terreno aerato e fresco. Ha un solo difetto:  i costi ambientali della sua estrazione dalle torbiere. Se vogliamo essere “green” possiamo utilizzare del compost in quantità limitate (altrimenti rischiamo di bruciare le radici).
La sabbia di fiume, ossia silicea, migliora l'aerazione e la percolazione. Fate attenzione a non usare sabbie calcaree come quelle utilizzate nelle costruzioni. Sabbia, torba e compost possono essere acquistati nei garden e nelle aziende orto-floro-vivaiste. Il compost potrebbe essere anche prodotto in casa seguendo i consigli che potete leggere [qui].
Un ultima attenzione: quando si inserirà il terreno in vaso abbiate cura prima di porre uno strato drenante sul fondo del vaso dello spessore di un dito. L’argilla espansa o dei ciottoli potranno svolgere al meglio tale funzione.
Abbiamo i vasi, abbiamo la terra… alla prossima con “semi e dintorni”.

 terra; giardinaggio; orto; vasi