Sei in: Home > Le ultime notizie > Stop allo spreco alimenta...

27/02/2017 00:00

 Stop allo spreco alimentare, al via il monitoraggio in Puglia

 
Parte da uno dei nostri mercati un progetto che coinvolge anche le famiglie nell’individuazione delle buone pratiche per orientare al meglio i consumi

 

Monitorare lo spreco alimentare per prevenirlo. Succede in Puglia, dove dal 26 febbraio al 19 marzo alcune famiglie pugliesi prenderanno appunti su cosa, quando e perché buttano il cibo nell’arco della settimana. L’iniziativa – promossa da Coldiretti e Campagna Amica Puglia, in collaborazione con le associazioni dei consumatori dell’Istituto pugliese per il consumo, la Regione Puglia Servizio Consumatori dell’Assessorato allo Sviluppo Economico e il Ministero dello Sviluppo Economico – è stata lanciata ieri tra gli stand del Mercato di Campagna Amica in piazza del Ferrarese a Bari, tra chiacchere, popizze, dolci di mandorla, orecchiette baresi e affinatura di formaggi.
I risultati dello studio serviranno ad orientare meglio i consumi e gli acquisti delle famiglie, sostenendo i contenuti della proposta di legge regionale contro gli sprechi alimentari. La situazione è grave, basti pensare che ogni pugliese butta nella spazzatura durante l’anno fino a 76 chili di prodotti agroalimentari. È necessario quindi far crescere la consapevolezza di tutti rispetto al consumo corretto e consapevole in termini di qualità e quantità, semplificare i percorsi per assicurare le donazioni e riconoscere finalmente all’agricoltura un ruolo da protagonista, attraverso le donazioni dirette agli indigenti.
Per evitare gli sprechi, tra i comportamenti virtuosi ci sono invece il riuso in cucina degli avanzi, e una maggiore attenzione alla data di scadenza. Ma anche la richiesta della ‘agribag’ negli agriturismi di Campagna Amica e della doggy bag al ristorante. È poi sempre preferibile fare la spesa a chilometro zero nei mercati di Campagna Amica che, tagliando le intermediazioni, consentono di acquistare prodotti più freschi che quindi durano di più. Si riuscirebbero così a limitare gli impatti negativi sull'ambiente grazie alla riduzione dei rifiuti, sensibilizzando i consumatori sul consumo consapevole di cibo, con particolare attenzione alle giovani generazioni.

 consumi; spreco; puglia; spesa; mercati